Back startup, crowdfunding, venture capital e fund raising cross hub

L'ecosistema delle Startup italiane: cambiamenti, fallimenti e fattori di successo

Il mondo delle startup italiane, nonostante le difficoltà, finalmente si sta evolvendo e allineando con la realtà europea. Ne parliamo con Alfonso Riccardi, esperto financial analyst in materia di startup e venture capital.

Redazione Cross Hub

Postato il: 14-May-2021

1) Anche se in ritardo rispetto alla realtà europea, a partire dal biennio 2014/2015 si è segnato un cambio di rotta: la categoria delle startup innovative, unitamente alle cosiddette PMI Innovative, ha iniziato a godere di uno specifico riconoscimento normativo sulla base di specifici requisiti. A supporto di questo tessuto di innovazione diffusa si sono sviluppate molteplici iniziative. Secondo te le risorse messe al momento in campo da privati e pubblici sono sufficienti?

 

Negli ultimi dieci anni si sono moltiplicati i fondi italiani di venture capital, pubblici e privati, per finanziare programmi di sviluppo di startup; l’offerta di capitali è dunque ampia e diversificata.

 

A mancare sono invece startup che presentino potenzialità di sviluppo significative; in effetti, a eccezione di pochi casi, sono molto rare le opportunità di investimento in startup capaci di fornire rendimenti in linea con gli IRR attesi dagli investitori, soprattutto da quelli privati.

 

2) Il verticale del Fintech è stato senza dubbio quello che nel 2020 ha più catalizzato l’attenzione degli investitori, con più di 173 milioni di euro raccolti da 15 startup e scaleup italiane. Gli altri verticali innovativi che sono stati capaci di attrarre un importante ammontare di capitali (arrivando insieme a Fintech a poco meno dell’80% del totale) sono stati Health e Life Science, Food and Beverage, Software & Digital Services e Transportation & Delivery. In base a questi dati, secondo te quali saranno gli scenari evolutivi per i prossimi anni?

 

In merito ai temi più interessanti per gli investimenti di venture capital, credo che tutto ciò che attiene al verticale “green”, legato in particolare alla transizione energetica, possa attrarre un importante ammontare di capitali nei prossimi anni; si confermeranno Fintech, Life Science, Software & Digital Services e anche Cyber Security; per il Delivery, i cambiamenti normativi in merito al trattamento dei rider potrebbe comunque rappresentare un elemento di incertezza e di penalizzazione, seppur in un contesto di forte crescita del giro d’affari, legato anche ai cambiamenti imposti dalle restrizioni anti Covid.

 

3) Nonostante l’ecosistema delle startup sia così produttivo secondo Startup Genome, il tasso di mortalità delle startup è del 92%, solo 8 startup su 100, dunque, sopravvivono. In base alla tua esperienza, potresti dirci quali sono i fattori di successo e quali sono invece quelli che determinano il fallimento delle startup?

 

Il principale fattore di successo alla base di una startup è rappresentato dal team e dalla velocità di execution. Spesso alcune startup sono piuttosto simili per quanto attiene al servizio offerto e al mercato di riferimento, ma una va benissimo e le altre falliscono; la differenza la fa la capacità del management team di comprendere i bisogni del mercato offrendo soluzioni coerenti.

 

A determinare il fallimento di una startup, oltre a quanto ricavabile dalle indicazioni precedenti, sono spesso molteplici motivi, quali la non chiarezza del business model, un mercato di riferimento non ampio né in crescita, la lentezza nell’avvio dei ricavi su livelli significativi.

 

Più in generale, ritengo che uno dei motivi più frequenti sia la sottovalutazione del fattore tempo da parte dei founders e del management di una startup, i quali spesso definiscono stime troppo ottimistiche sull’avvio dei ricavi e sul loro importo, e sui costi/uscite; l’effetto di ciò è che vengono richiesti apporti di equity insufficienti ad accompagnare la startup fino al raggiungimento dell’autonomia finanziaria e, pertanto, non riuscendo a finanziare un ulteriore round, la startup è destinata a fallire.

 

Dalla mia esperienza uno dei segnali, a cui faccio sempre riferimento per comprendere la “qualità” del management team di una startup, è rappresentato da come viene considerato e gestito il fattore tempo; quando uno startupper mi parla di obiettivi di crescita di utenti e di ricavi o di quanto fatto in passato, senza contestualizzare adeguatamente la dimensione temporale, esprimo rapidamente un parere negativo senza alcun interesse a seguire detta startup come consulente.

 

4) Ci hai parlato dei problemi delle startup ma ritieni che vi siano criticità anche per gli investitori?

 

Gli investitori ricevono centinaia di dossier ogni anno e dunque, naturalmente, sono spinti a effettuare un’attività di selezione.

 

Quello che spesso non viene adeguatamente considerato è che anche gli startupper devono effettuare una rigida selezione degli investitori a cui rivolgersi.

 

Il fund raising è un’attività energivora, altamente time consuming e, quando dura troppi mesi, finisce per distogliere i founders dalla gestione del core business della startup. Il problema è che non di rado alcuni operatori di venture capital, spesso operanti in realtà pubbliche, provengono da ambiti differenti e, iniziando a operare nel venture capital in modo improvvisato, adottano logiche non compatibili con le esigenze di una startup, in primis per quanto attiene ai tempi di analisi di un deal e delle trattative corrispondenti. Nessun ambito è migliore o peggiore di un altro; semplicemente, il problema è che non è infrequente imbattersi in operatori di venture capital improvvisati, che fino a qualche mese prima si sono occupati di tutt’altro.

 

Un elemento da cui si nota subito l’esperienza con le startup, da parte di un operatore finanziario, è la considerazione del fattore tempo: se un investitore impiega mesi solo per organizzare i primi incontri e per le prime analisi, e poi propone contratti simili a quelli della fusione tra FCA e PSA, nonostante si tratti di un investimento di poche centinaia di migliaia di euro in una startup costituita da pochi mesi o un anno, evidentemente non è l’interlocutore adatto.

 

In altri termini, gli startupper devono selezionare attentamente gli investitori da contattare, esaminandone le politiche di investimento e le operazioni già effettuate, accanto al contributo che possono offrire alle startup; in particolare, il supporto per il piano di sviluppo di una startup non può limitarsi solo al capitale ma deve comprendere anche attività di business development, rafforzamento del network ecc..

 

Infine, un’altra questione da considerare, a proposito degli investitori, è che non di rado il closing di un deal viene considerato esclusivamente il punto di arrivo della loro operatività, laddove si tratta semplicemente di un punto di partenza; è necessario, infatti, seguire la startup, monitorandone i risultati e definendo opportune e tempestive azioni correttive, se necessarie. In altri termini, una problematica, spesso lamentata dagli startupper venture backed, è lo scarso supporto da parte degli investitori.

 

5) Che cosa ne pensi dell’equity crowdfunding? 

 

L’equity crowdfunding si è sviluppato notevolmente negli ultimi anni, come confermano l’aumento sia delle piattaforme operative sia del numero di operazioni sia, infine, dei capitali raccolti.

Esso rappresenta uno strumento molto utile per finanziare i piani di sviluppo delle startup. Allo stesso tempo, però, è necessario che vengano apportati correttivi normativi per evitare che tale strumento, nato per favorire le startup, finisca per svantaggiarle.

 

Mi riferisco in particolare a ciò che accade in startup, in precedenza beneficiarie di una campagna di equity crowdfunding, che lanciano un nuovo round, generalmente con investitori istituzionali; ebbene, in siffatte ipotesi la necessità di rispettare i tempi standard per determinate azioni (recesso ecc.), finisce per penalizzare oltremodo la startup senza apportare reali benefici ai partecipanti della precedente campagna di crowdfunding, che generalmente hanno quote o azioni senza i classici diritti amministrativi.

Non perdere gli ultimi articoli!

Inserisci la tua email 

TAG CLOUD

covid-19 innovazione operations finanza startup coronavirus PMI marketing pmi digital transformation andrà tutto bene internazionalizzazione smart working impresa innovazione tecnologica innovation manager industria 4.0 innovation economia prototipazione rapida innovazione digitale Innovazione controllo di gestione business development innovazione aziendale lavoro agile io resto a casa fintech digital digital marketing impresa digitale business gestione del rischio compliance IoT gestione aziendale Ricerca & Sviluppo liquidità impresa legge finanziaria 2020 big data comunicazione d'impresa gestione risorse umane piano impresa 4.0 cina gestione impresa Impresa fase 2 temporary management sviluppo impresa Al soft skill export stampa 3d crescita aziendale system integration consulenza finanziaria credito d'imposta GDPR voucher innovation manager risorse umane covid e-commerce venture capital vendita online finanza agevolata digitalizzazione HR trasformazione digitale bonus pubblicità blockchain crowdfunding cybersecurity beni di lusso crisi economica criptovaluta bonus impresa buzzoole come fare un business plan consulenza cloud computing cloud consulente commissione di massimo scoperto comunicazione aziendale concorrenzasleale community consulenza HR clausola salvaguardia contact tracing contributo a fondo perduto business plan startup conad cambio valuta consumi cash flow capacità di feedback business plan Strumento a complemento della finanza tradizionalenel segno dell’innovazione e della trasparenza Financial Controller Manager Fintech Financial Controller ExtraMot Ecommerce Exponential Technologies Fractional management Gestione del personale Human resources IA Human Resources Harmont & Blaine Gestione manageriale H R Digital Transformation Credito d'Imposta CFO CRM Bankitalia Analisi di bilancio 3d printing AR CRM aziendale evoluto Change Management Consulenza Consulenza direzionale Comunicazione interna Commissione europea Cloud Comfort Zone IP Management Il controllo di gestione Sanità 4.0 Sostenibilità Salva banche Risorse Umane Reverse Engineering Risk Management data protection Sviluppo analisi paese andràtuttobene alibaba agevolazioni Temporary management acceleratore startup Rendiconto finanziario Produzione 4.0 Innovation management Intelligenza artificiale Innovation Manager Industrial Controller Impresa 4.0 innovativa Impresa digitale Iot Kaizen Material Requirement Planning PMI innovative Marketing Lean organization Lean Lean manufacturing asset management fasi del risk management regolamento Ue retail realtà aumentata public relations protezione dati personali pubblicità reverse engineering riduzione sprechi risorse finanziarie robotica avanzata risk manager risk management rischio cambio protezione dati project manager newfinance normativa new normal modello business minibond open innovation opensource processi di gestione processi operativi privacy pmi innovativa organizzazione aziendale scaleup screening tecnologia tecnologia avanzata sviuppo impresa sviluppo sostenibile sviluppo organizzativo sviluppo risorse umane tecnologie 4.0 tecnologie della sanità voucher innovazione web marketing tracciamento dati temporary manager tecnologie verdi sviluppo business supporto imprese sicurezza informatica social media marketing sicurezza dati shared innovation settore fashion soft skills soft skill” stratup supply chain strategia di comunicazione strategia d'impresa sparring partner metodi organizzativi aziendali innovativi metodi formativi formazione 4.0 formazione a distanza finanziamenti imprese finanzalternativa webidoo feedback freesource fund raising gestione efficiente gestione finanziaria gestione del credito gdpr gdo equity crowdfunding employee experience deliver to stock development decreto rilancio decreto liquidità decreto cura Italia dialogo uomo-macchina digitalizzazione aziendale emergenza coronavirus emergenza covid e-learning e-finance digitalizzazione impresa gestione personale gestione rischi investimenti investimenti green international market intelligenza emotiva insurtech integrazione processi aziendali italia smart leadership maxi decreto mercati esteri marketing digitale marketing automation make to order innovazone digitale influencer marketing il ruolo dell'advisor impresa 4.0 human resources management green economy grande distribuzione organizzata impresa innovativa impresa smart industria digitale influencer incentivi impresa incentivi economici imprese dati
Iscriviti alla newsletter
Cross Hub Logo

Affiancare le imprese, enti ed istituzioni in tutti gli aspetti di natura strategica ed operativa attraverso la "mobilitazione integrata" (CROSS) di competenze ed esperienze (HUB) in risposta alle specifiche esigenze aziendali.

CONTACT INFO

 

SEDE LEGALE

Via dei Mille, 47

80121 - Napoli

 

SEDE OPERATIVA

Piazza Carità, 32 

80134 - Napoli

Tel. 081 0102554

 

P.IVA: 08060921213

info@crosshub.it

crosshub@b2bpec.it

Follow us