Back risk management- gestione del rischio cross hub

Come cambia nell’era post covid la gestione del rischio?

Il 97% delle pmi italiane era impreparata all’emergenza sanitaria. Raffaele Russo, esperto di Risk Management e del mondo assicurativo ci parla di come le imprese italiane stanno affrontando questa "nuova normalità"

Redazione Cross Hub

Postato il: 05-May-2021

 

1) Buongiorno Raffaele, la ricerca realizzata da Cineas in collaborazione con l'Ufficio Studi di Mediobanca ha evidenziato che l’emergenza Covid-19 ha accelerato il ricorso a metodologie e strumenti di risk management nelle medie imprese italiane. Dal punto di vista operativo, potresti spiegarci cosa sta avvenendo?

 

Raffaele: Piccola premessa: l’intero Paese al 100% era impreparato all’emergenza e la mancanza di un piano pandemico aggiornato ne è la riprova.

 

L’indagine da te richiamata analizza le 10 categorie di rischio più rilevanti per le imprese medie intervistate, con fatturati ed occupati che al Sud sono pochissime.

 

Relativamente all’imprese del nostro territorio, prevalentemente Micro Imprese e PMI, più che di ricorso a strumenti di Risk Manangement parlerei di accentuata percezione del rischio.

 

Cresce la minaccia legata agli infortuni sul lavoro, alla Cyber Security, ed ai cambiamenti climatici.

 

Preoccupano i rischi regolamentari che interessano prevalentemente gli organi amministrativi e di controllo ed i rischi finanziari (insolvenza dei crediti)

 

Il mercato delle Polizze D&O, E&I, infatti attraversa una fase di Hard Market con ridotta capacità assuntiva e premi in forte rialzo, e le polizze credito hanno visto un aumento dei tassi e delle franchige.

 

2) Con la pandemia aumenta anche la gamma dei rischi d’impresa, ad esempio quelli legati alla gestione dello smart working, la cyber threat intelligence, ecc… Potresti dirci in questo contesto come cambia il ruolo del risk management e quali sono i benefici per le pmi italiane?

 

Raffaele: Le aziende ed i loro dipendenti hanno interpretato nei modi più disparati il cd. “smart working” che di ”agile” ed “ intelligente” ha mostrato davvero poco.

 

Se da un lato tale modalità ha permesso a moltissime realtà di non interrompere l’attività, evitando il blocco della produzione e della continuità aziendale, dall’altro lato non sono poche le criticità che l’hanno accompagnato, in particolare, per quanto riguarda la garanzia dell’integrità dei dati aziendali e, dal lato dei dipendenti, per la tutela della privacy.

 

E’ emersa la necessità di attuare o implementare strategie di protezione dal cyber-risks attraverso processi di assessment che consentono di individuare, monitorare, valutare e gestire i rischi e le vulnerabilità di un sistema informatico.

 

I benefici per le imprese deriveranno quindi solo da una corretta consapevolezza dei rischi che corrono.

 

Infine da non sottovalutare l’incremento degli infortuni domestici. In questo periodo, nel quale la casa è il nostro mondo, dobbiamo fare maggiormente attenzione a non incappare in incidenti: ogni anno più di un italiano su 10 viene coinvolto in un incidente domestico, ma i dati sono in aumento.

 

Secondo una recente indagine condotta dall’ISTAT la stima nell’arco di 12 mesi è di 2 milioni e 800 mila persone circa coinvolte in un incidente nella propria abitazione, ovviamente l’incidenza del rischio è direttamente proporzionale alla quantità di tempo trascorsa in casa.

 

Il sito del Ministero della Salute ha dedicato una pagina alla questione degli incidenti domestici ed indica che la maggior parte degli inconvenienti riguarda cadute, ferite da taglio, ingestione di corpi estranei, soffocamento, avvelenamenti e intossicazioni alimentari o da sostanze tossiche con le quali si viene a contatto accidentalmente (detersivi, disinfestanti, etc).

 

Certo la nostra abitazione non è pericolosa come un’acciaieria ma certamente più di un ufficio lo è.

 

3) L’emergenza Covid -19 ha evidenziato il ruolo centrale del risk management per la tutela delle imprese. Rispetto ai rischi invece, potresti illustrarci le principali categoria per le quali la Pandemia ha comportato la necessità di ricorrere a specifiche soluzioni assicurative?

 

Raffaele: Certamente è mutata ed accresciuta da parte delle imprese sia la percezione dei rischi sia delle conseguenze che questi potrebbero riverberare sulla stessa sopravvivenza dell’azienda.

 

Le maggiori Compagnie Assicurative avevano comunque già le soluzioni assicurative e solo la diversa sensibilità tra le PMI sta portando ad un aumento delle garanzie richieste, visto che le Grandi Aziende sono spesso dotate di Risk Managers interni.

 

Si rileva un incremento delle polizze PROTECTION e quindi quelle relative alla Vita, alla Salute agli Infortuni e le LTC in caso di invalidità permanente.

 

Oggi il lavoro precario con insoddisfacente grado di assistenza garantito dalla Stato rende indispensabile costruirsi un futuro ”garantito” attraverso soluzioni assicurative adeguate e coerenti con le aspettative di ciascuno: imprenditori, manager,  dipendenti, collaboratori o Partite IVA e infine i Gigger lavoratori della GIG economy.

 

4) La preoccupazione, soprattutto finanziaria per le pmi nel periodo storico che stiamo vivendo è evidente. Con l’emergere di nuovi rischi dai quali le aziende italiane hanno l’esigenza di tutelarsi, potresti dirci come il mondo assicurativo sta cercando di rispondere a quest’esigenza? E come stanno mutando le strategie delle assicurazioni per rispondere in maniera efficace alla sofferenza delle imprese in cerca di protezione?

 

Raffaele: Più che di innovazione di prodotti parlerei di innovazione di processi. La vera disruption nel settore assicurativo è oggi rappresentata dalla crescita delle imprese legate all’INSURTECH.

 

Una recente analisi redatta dall’Osservatorio Fintech & Insurtech della School of management del Politecnico di Milano ha illustrato l’impatto delle tecnologie sul mercato assicurativo delineando futuri scenari in Italia.

 

Nel 2021 l’Insurtech procederà con sempre maggiore decisione lungo il percorso digitale intrapreso negli ultimi anni e accelerato dalla pandemia, raccogliendo i frutti della spinta alla digitalizzazione impressa dal Covid19.

 

Ecco i termini con i quali fare i conti nel prossimo futuro delle assicurazioni:

  • Digitalizzazione
  • Blockchain
  • Iot e dispositivi wereable
  • Telemedicina
  • Teleassistenza
  • Teleperizie
  • Realtà Virtuale, Realtà Aumentata Realtà Mista
  • Riconoscimento con parametri biometrici
  • Medicina predittiva (Polizze Vita, Infortuni e Sanitarie)

 

5) Nell’era della pandemia la cultura del risk management è fondamentale per il presente e il futuro delle imprese che vogliono sopravvivere e mantenere la competitività. Secondo te quali saranno i trend e gli sviluppi futuri?

 

Raffaele: Partirei dall’autorevole analisi presentata recentemente dall’IVASS – Istituto di Vigilanza del settore Assicurativo- su trend dell’offerta assicurativa relativi al II semestre 2020. Si riferisce, come di consueto, ai nuovi prodotti lanciati dalle imprese di assicurazione nel periodo di osservazione, con l‘obiettivo di offrire un quadro delle tendenze in atto, a prescindere dal successo commerciale degli stessi.

 

Nei rami danni le principali aree di business in cui l’industria assicurativa sta esplorando nuove soluzioni, taylor-made e modulari, spesso contraddistinte da coperture a connotazione digitale, continuano a riguardare i settori della mobilità, salute, casa e cyber.

 

Sono stati lanciati: un progetto che mette a disposizione dei clienti una customer journey completamente digitale e innovativa, dal processo di sottoscrizione (con anche supporto di una chatbot) alla gestione ad esempio di una polizza casa; una web app per la denuncia di sinistro online che digitalizza la compilazione del modulo di costatazione amichevole sottoscritto a seguito di un incidente stradale e un innovativo programma di formazione per migliorare l'interazione con la clientela anche in remoto e la proposizione commerciale del personale di agenzia.

 

Di assoluta novità una polizza fideiussoria digitale su tecnologia Blockchain a copertura della realizzazione di opere di bonifica che ha come beneficiario il Comune. L’utilizzo di tale tecnologia ha lo scopo di prevenire il fenomeno in crescita delle frodi nel settore degli appalti pubblici.

 

Voglio però concludere con un celebre aforisma di Niels Bohr, premio Nobel per la fisica: ”E’ difficile fare previsioni soprattutto se riguardano il futuro”.

 

Le assicurazioni non ci permettono di leggere nella sfera di cristallo ma ci permettono di far fronte agli eventi spiacevoli, con un supporto finanziario che può rappresentare la nostra capacità di rialzarci o rimanere giù.

 

Insomma è una ricarica di resilienza e tutti ne abbiamo bisogno!

Non perdere gli ultimi articoli!

Inserisci la tua email 

TAG CLOUD

covid-19 innovazione operations finanza startup coronavirus PMI marketing pmi digital transformation andrà tutto bene internazionalizzazione smart working impresa innovazione tecnologica innovation manager industria 4.0 innovation economia prototipazione rapida innovazione digitale Innovazione controllo di gestione business development innovazione aziendale lavoro agile io resto a casa fintech digital digital marketing impresa digitale business gestione del rischio compliance IoT gestione aziendale Ricerca & Sviluppo liquidità impresa legge finanziaria 2020 big data comunicazione d'impresa gestione risorse umane piano impresa 4.0 cina gestione impresa Impresa fase 2 temporary management sviluppo impresa Al soft skill export stampa 3d crescita aziendale system integration consulenza finanziaria credito d'imposta GDPR voucher innovation manager risorse umane covid e-commerce venture capital vendita online finanza agevolata digitalizzazione HR trasformazione digitale bonus pubblicità blockchain crowdfunding cybersecurity beni di lusso crisi economica criptovaluta bonus impresa buzzoole come fare un business plan consulenza cloud computing cloud consulente commissione di massimo scoperto comunicazione aziendale concorrenzasleale community consulenza HR clausola salvaguardia contact tracing contributo a fondo perduto business plan startup conad cambio valuta consumi cash flow capacità di feedback business plan Strumento a complemento della finanza tradizionalenel segno dell’innovazione e della trasparenza Financial Controller Manager Fintech Financial Controller ExtraMot Ecommerce Exponential Technologies Fractional management Gestione del personale Human resources IA Human Resources Harmont & Blaine Gestione manageriale H R Digital Transformation Credito d'Imposta CFO CRM Bankitalia Analisi di bilancio 3d printing AR CRM aziendale evoluto Change Management Consulenza Consulenza direzionale Comunicazione interna Commissione europea Cloud Comfort Zone IP Management Il controllo di gestione Sanità 4.0 Sostenibilità Salva banche Risorse Umane Reverse Engineering Risk Management data protection Sviluppo analisi paese andràtuttobene alibaba agevolazioni Temporary management acceleratore startup Rendiconto finanziario Produzione 4.0 Innovation management Intelligenza artificiale Innovation Manager Industrial Controller Impresa 4.0 innovativa Impresa digitale Iot Kaizen Material Requirement Planning PMI innovative Marketing Lean organization Lean Lean manufacturing asset management fasi del risk management regolamento Ue retail realtà aumentata public relations protezione dati personali pubblicità reverse engineering riduzione sprechi risorse finanziarie robotica avanzata risk manager risk management rischio cambio protezione dati project manager newfinance normativa new normal modello business minibond open innovation opensource processi di gestione processi operativi privacy pmi innovativa organizzazione aziendale scaleup screening tecnologia tecnologia avanzata sviuppo impresa sviluppo sostenibile sviluppo organizzativo sviluppo risorse umane tecnologie 4.0 tecnologie della sanità voucher innovazione web marketing tracciamento dati temporary manager tecnologie verdi sviluppo business supporto imprese sicurezza informatica social media marketing sicurezza dati shared innovation settore fashion soft skills soft skill” stratup supply chain strategia di comunicazione strategia d'impresa sparring partner metodi organizzativi aziendali innovativi metodi formativi formazione 4.0 formazione a distanza finanziamenti imprese finanzalternativa webidoo feedback freesource fund raising gestione efficiente gestione finanziaria gestione del credito gdpr gdo equity crowdfunding employee experience deliver to stock development decreto rilancio decreto liquidità decreto cura Italia dialogo uomo-macchina digitalizzazione aziendale emergenza coronavirus emergenza covid e-learning e-finance digitalizzazione impresa gestione personale gestione rischi investimenti investimenti green international market intelligenza emotiva insurtech integrazione processi aziendali italia smart leadership maxi decreto mercati esteri marketing digitale marketing automation make to order innovazone digitale influencer marketing il ruolo dell'advisor impresa 4.0 human resources management green economy grande distribuzione organizzata impresa innovativa impresa smart industria digitale influencer incentivi impresa incentivi economici imprese dati
Iscriviti alla newsletter
Cross Hub Logo

Affiancare le imprese, enti ed istituzioni in tutti gli aspetti di natura strategica ed operativa attraverso la "mobilitazione integrata" (CROSS) di competenze ed esperienze (HUB) in risposta alle specifiche esigenze aziendali.

CONTACT INFO

 

SEDE LEGALE

Via dei Mille, 47

80121 - Napoli

 

SEDE OPERATIVA

Piazza Carità, 32 

80134 - Napoli

Tel. 081 0102554

 

P.IVA: 08060921213

info@crosshub.it

crosshub@b2bpec.it

Follow us