Back ESPRTS: 2WATCH di Fabrizio Perrone - Cross Hub

L'evoluzione degli esports nel nostro paese sta andando a grande velocità. La capacità di generare ricavi si attesta intorno a circa 1,2 miliardi.

Ne parliamo con Fabrizio Perrone, Co-fondatore e CEO di 2WATCH, startup che ha come obiettivo quello di diventare punto di riferimento per i casual gamer in Italia e in Europa.

Luca Genovese

Postato il: 08-Sep-2021

1. Buongiorno Fabrizio, dopo il successo di Buzzoole una nuova sfida: 2WATCH, una media-tech company che punta sull’esports. Puoi raccontarci com’è nata l’idea di 2WATCH e la scelta di operare nel mercato dell’e-sports?

 

Negli ultimi anni avevo iniziato già a seguire il mercato dell’esports, a fare piccoli investimenti, seguire altre startup. La scelta dell’esports è dovuta soprattutto alle affinità con le mie expertise in quanto ho riscontrato delle somiglianze con il mercato nel quale stavo operando già da tempo: l’influencer marketing. In passato, ho avuto la fortuna di intercettare il trend di una delle prime professioni completamente digitali, quella dell’influencer e oggi, vedo nell’esports tantissimi tratti di somiglianza.

 

C’è una trasposizione di qualcosa che è sempre esistito nel mondo reale, come i trendsetter, in un mondo completamente digitale, quindi una serie di nuove professioni da sdoganare come i pro-player, i coach, gli streamer; oltre all’utilizzo di nuove piattaforme come Twitch, che stanno cambiando un po' il modo di fare intrattenimento.

 

Da questo punto di vista ho iniziato a seguire il mercato dell’esports e a studiarlo da vicino, cercando di capire i diversi attori, le dinamiche e se fossero presenti startup interessanti sulle quali investire, così ho incrociato Mattia e Gianpiero che sono diventati due co-founder di 2WATCH. Quando ci siamo conosciuti, avevano creato una società che si occupava di tornei universitari di esports, tornei che avvenivano completamente in presenza fisica, senza un particolare asset digitale, così ho iniziato a seguirli e a dare consigli su come digitalizzare il loro business, soprattutto con la diffusione della pandemia nel 2020. Ed è in questa occasione che è nata l’idea di una piattaforma digitale e il progetto di 2WATCH e sono salito a bordo con Gianpiero e Mattia.

 

2. Potresti darci una panoramica del mercato dell’esports in Italia, spiegarci quali sono secondo te gli scenari futuri e indicarci qual e’ il posizionamento di 2WATCH in tale contesto?

 

Allora, in merito ai numeri del mercato a livello globale si parla di due billion che diventeranno oltre tre billion e mezzo entro il 2025. In Italia invece i numeri sono ancora troppo esigui, non c’è ancora una quantificazione esatta del mercato perché è molto frammentato e non c’è una grande varietà di player al momento. Ci sono i team che sono una sorta di media house; gli organizzatori di tornei, focalizzati sull’organizzazione delle grandi competizioni come i chapter italiani e gli eventi internazionali come la “games week”; poi ci sono gli streamer/influencer che competono per l’attenzione dell’audience.

 

2WATCH invece, si posiziona in modo diverso rispetto agli attuali player, abbiamo visto che manca un punto di riferimento in grado di educare, avvicinare un’audience più ampia non ancora a conoscenza di questo mondo. Dunque immaginando una realtà sempre più game oriented, abbiamo pensato a un percorso che passasse dall’intrattenimento su Twitch, non solo gaming, fino alla gestione delle competizioni. In questo modo aiuteremo gli utenti a creare e gestire le competizioni autonomamente, tra loro, fino a selezionare le persone che vogliono svolgere quest’attività come mestiere. Da qui un percorso che possa partire da noi in collaborazione con i team con cui collaboriamo e che possa portare gli utenti interessati a  diventare streamer, player, ecc…  Ovviamente quando parliamo di gamer professionale non facciamo più riferimento al ragazzino che gioca ventiquattro ore al giorno ma a una persona che, al pari di un professionista, si allena, ha un mental coach, ecc…

 

Lo scenario nel quale ci stiamo muovendo è molto diverso dagli  Stati Uniti, dall’Asia, che sono più avanti, in Italia invece ci sono ancora molti vuoti, si sta ancora cercando di capire il mercato, le sue potenzialità, i possibili ritorni. Dunque c’è bisogno di qualcuno che ne capisca e favorisca l’avvicinamento di chi è interessato ed è qui che stiamo cercando di posizionarci.

 

3. Per sostenere la crescita e lo sviluppo dell’attività avete aperto una raccolta fondi su CrowdFundMe. Potresti spiegarci perché hai deciso da subito di puntare su una campagna di equity crowdfunding e perché la scelta della piattaforma “CrowdFundMe” rispetto alle altre? Quali sono stati i criteri, i parametri di riferimento per la scelta?

 

In realtà come primo strumento di finanziamento abbiamo scelto un “Convertible Note” e già all’inizio dell’anno abbiamo raccolto 450 mila euro da una serie di imprenditori, manager, angel investor che ci hanno dato un importante supporto strategico in vista della possibilità di andare in crowd. La scelta successiva del crowdfunding invece è dovuta a due motivi:

 

  • Il primo, avvicinarci alla community. 2Watch è un progetto che appartiene alla community, quindi vogliamo che sia partecipe. Infatti, Il crowdfunding possiamo considerarlo anche una campagna di marketing che ci aiuta a far conoscere il nostro progetto.

 

  • Il secondo invece, è continuare a raccogliere i fondi che ci servono per fare investimenti sul progetto dal punto di vista tecnologico e dell’intrattenimento. La campagna sta andando molto bene, siamo a 350 mila euro di versato e non escludo la chiusura anticipata rispetto ai tempi prefissati. Questo ci fa capire che il progetto sta raccogliendo molti consensi, non solo dagli angel investor che puntano al ritorno finanziario ma anche dai diversi membri della community che si stanno avvicinando al nostro progetto. Inoltre, da poco abbiamo annunciato l’ingresso di Giancarlo Fisichella, con il quale svilupperemo una serie di format e di attività sul tema “sim racing” che è un altro dei filoni che vogliamo seguire.

 

La scelta di utilizzare la piattaforma CrowdFundMe è avvenuta nel tempo. Abbiamo fatto una selezione in termini di audience, di tipologia di campagne e di compatibilità tra le nostre competenze interne e la tipologia di supporto offerta dalle piattaforme. Alla fine è rimasta una shortlist di tre piattaforme e sulla base delle offerte e degli accordi, ho scelto questa perché più delle altre poteva supportarci meglio in termini di promozione e di spinta sulla community. Infatti “CrowdfundMe” è una di quelle piattaforme che ha campagne effettivamente “crowd”, molte altre invece sono orientate verso investitori finanziari, noi invece volevamo una piattaforma che avesse un “crowd vero” perché volevamo una validazione dalla community.

 

4. Guardando alla chiusura della campagna di crowdfunding, quali sono i piani sui quali verranno investiti i fondi raccolti in equity? Quali saranno i prossimi step di 2WHATCH nei prossimi mesi?

 

Sono tre le principali aree nelle quali verranno investiti i fondi raccolti:

1. Sviluppo dell’intrattenimento, con il lancio di nuovi format originali

2. Sviluppo della piattaforma con l’inserimento di elementi di machine learning, di intelligenza artificiale e l’aggiunta di nuovi titoli

3. Lo sviluppo dell’area dedicata alla formazione e all’academy

 

Per il prossimo anno ci aspettiamo novità legate a questi filoni sui quali andremo ad investire. Abbiamo già dei format pronti per il lancio, abbiamo una sorpresa che a breve vi sveleremo e stiamo lavorando al lancio della prima “Collab House” in ambito gaming. In più, stiamo già lavorando “all’University League” del prossimo anno. Questa competizione ha generato nell’edizione scorsa oltre sette milioni di impression con oltre due mila partecipanti, ciò significa che è piaciuta molto all’audience, agli sponsor e quindi sarà un format sul quale punteremo molto perchè indentifica molto il nostro posizionamento

 

5.Un’ultima domanda, nel piano di sviluppo è previsto un processo di internazionalizzazione? Ad oggi siete focalizzati sul mercato italiano ma nella tua visione quando e in quali aree geografiche prevedi di partire per l’internazionalizzazione di 2WATCH?

 

Come hai appena detto tu, al momento siamo focalizzati sul mercato italiano perché il progetto punta alla creazione di una community di base. Oggi il focus è consolidare quello che stiamo costruendo sul mercato italiano e poi pian piano vogliamo replicare questa espansione nei paesi europei che offrono opportunità similiari, come la Spagna che ha caratteristiche simili al mercato italiano. Infatti in Europa, oggi, la Germania è l’unico paese un po' più avanti, questo significa che ci sono tantissimi paesi che hanno molte potenzialità e offrono opportunità di replicare il modello.

Non perdere gli ultimi articoli!

Inserisci la tua email 

TAG CLOUD

covid-19 innovazione startup finanza operations pmi coronavirus PMI innovation manager marketing innovazione digitale innovazione tecnologica smart working digital transformation internazionalizzazione andrà tutto bene business digital marketing controllo di gestione impresa industria 4.0 fintech voucher innovation manager 2021 risorse umane export prototipazione rapida Innovazione consulenza finanziaria economia business development credito d'imposta innovation lavoro agile io resto a casa temporary manager voucher innovation manager impresa digitale innovazione aziendale digital gestione del rischio IoT gestione aziendale investimenti cash flow Innovation Manager cina big data legge finanziaria 2020 gestione risorse umane liquidità impresa PMI innovative mercati esteri open innovation MISE gestione finanziaria Ricerca & Sviluppo gestione impresa piano impresa 4.0 campi flegrei Impresa temporary management covid Al equity crowdfunding trasformazione digitale sviluppo impresa CFO stampa 3d digitalizzazione e-commerce system integration CRM Digital Transformation comunicazione d'impresa soft skill GDPR HR finanza agevolata crescita aziendale vendita online venture capital turismo compliance fase 2 crisi economica contributo a fondo perduto criptovaluta bonus pubblicità bonus impresa bilancio sociale batterie di sabbia beni di lusso asset management corporate social responsability andràtuttobene bilancio di sostenibilità blockchain consulenza impresa capacità di feedback capitale della cultura comunicazione aziendale conad campania community commissione di massimo scoperto cloud computing clausola salvaguardia come fare un business plan cfo cambio valuta concorrenzasleale cloud business plan business opportunity business intelligence consumi business plan startup business travel consulente consulenza consulenza HR buzzoole contact tracing Sanità 4.0 Fintech Fractional Manager Fractional management Financial Controller Manager Financial Controller Ecommerce Exponential Technologies ExtraMot Gestione del personale Gestione manageriale IA IMHERO IP Management Human resources Human Resources Giorgio Ventre H R Harmont & Blaine ERP Cyber Security Apple Developer Academy Bankitalia CRM aziendale evoluto Analisi di bilancio AR 2watch 3d printing ADHD Campania innovativa Change Management Consulenza Consulenza direzionale Credito d'Imposta Comunicazione interna Commissione europea Cloud Comfort Zone IT Il controllo di gestione Sicurezza Informatica Sostenibilità Strumento a complemento della finanza tradizionalenel segno dell’innovazione e della trasparenza crowdfunding Salva banche Reverse Engineering Risk Management Risorse Umane Sviluppo Temporary Export Manager acceleratore startup agevolazioni alibaba Voucher T.E.M. Voucher Innovation Manager Temporary management Voucher Consulenza in Innovazione Rendiconto finanziario Produzione 4.0 Insuretech Intelligenza artificiale Internazionalizzazione Innovazione Impresa Innovation management Impresa 4.0 innovativa Impresa digitale Industrial Controller Iot Kaizen Material Requirement Planning Mise Procida capitale della cultura 2022 Marketing Lean organization Lean Lean manufacturing analisi paese expo 2020 regolamento Ue remote working rendiconto finanziario realtà aumentata public relations protezione dati protezione dati personali pubblicità responsabilità d'impresa retail risk manager risorse finanziarie robotica avanzata risk management rischio cambio reverse engineering riduzione sprechi project manager procida capitalde della cultura minibond modello business new normal metodi organizzativi aziendali innovativi metodi formativi marketing territoriale maxi decreto newfinance normativa privacy processi di gestione processi operativi pmi innovative pmi innovativa opensource organizzazione aziendale sanità 4.0 scaleup tecnologia tecnologia avanzata tecnologie 4.0 tech sviuppo impresa sviluppo organizzativo sviluppo risorse umane sviluppo sostenibile tecnologie della sanità tecnologie digitali voucher innovazione voucher internazionalizzazione web marketing voucher consulenza in innovazione transizione energetica tecnologie verdi tracciamento dati sviluppo business supporto imprese sicurezza informatica social media marketing soft skills sicurezza dati shared innovation screening settore fashion soft skill” sostenibilità ambientale strategia di comunicazione stratup supply chain strategia d'impresa sport virtuale sparring partner spinup marketing digitale marketing automation finanziamenti imprese fonti di finanziamento formazione 4.0 finanzalternativa feedback esports webidoo fasi del risk management formazione a distanza formazione manageriale gestione del credito gestione efficiente gestione personale gdpr gdo freesource fund raising energie rinnovabili employee experience decreto rilancio deliver to stock development decreto liquidità decreto cura Italia data protection dati dialogo uomo-macchina digitale ecommerce emergenza coronavirus emergenza covid e-learning e-finance digitalizzazione aziendale digitalizzazione impresa gestione rischi grande distribuzione organizzata international market intervista investimenti green intelligenza emotiva integrazione processi aziendali insurtech integrazione digitale dei processi aziendali invitalia italia smart make to order malazè manager esterno magaldi made in italy lavoro leadership innovazone digitale innovation management human resources management il ruolo dell'advisor impresa 4.0 hr high-tech green economy hi-tech impresa innovativa impresa smart industria digitale influencer influencer marketing incentivi impresa incentivi economici imprese incentivi cybersecurity
Iscriviti alla newsletter
Cross Hub Logo

Affiancare le imprese, enti ed istituzioni in tutti gli aspetti di natura strategica ed operativa attraverso la "mobilitazione integrata" (CROSS) di competenze ed esperienze (HUB) in risposta alle specifiche esigenze aziendali.

CONTACT INFO

 

SEDE LEGALE

Via dei Mille, 47

80121 - Napoli

 

SEDE OPERATIVA

Piazza Carità, 32 

80134 - Napoli

Tel. 081 0102554

 

P.IVA: 08060921213

info@crosshub.it

crosshub@b2bpec.it

Follow us