Back

Il Brevetto, un valore da scoprire

Redazione Cross Hub

Postato il: 30-Jan-2020

Tutto il settore dei brevetti è, ahimè, perennemente afflitto da informazioni incomplete, sentito dire, errori veri e propri, fino ad arrivare a dannosi scambi di significato, come accade a volte nella confusione tra le stesse parole “brevetto” e “marchio”.

 

In occasione dell’apertura del bando Brevetti+, l’incentivo per la valorizzazione economica dei brevetti promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico e gestito da Invitalia che si apre appunto oggi 30 gennaio 2020 alle ore 12.00 (vedi la scheda Cross Hub Brevetti+). Senza entrare nelle tecnicalità del quando e come ottenere un brevetto, con questa nota voglio provare a portare un po' di luce su aspetti spesso oscuri per molti, anche con l’aiuto delle vastissime informazioni dell’Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale.

 

Il brevetto è adatto a me?

È vero che non tutte le imprese sviluppano invenzioni che possono essere brevettate, ma è anche falso che i brevetti per invenzione (qui per brevità li chiameremo brevetti, quelli “veri”) non si applicano solo a complessi prodotti e processi fisici o chimici, oppure che sono utili solo a grandi corporation: i brevetti possono essere ottenuti praticamente in qualsiasi area tecnologica, dallo spillo al sistema di guida di un aereo.

 

Poi spesso le persone pensano ai brevetti a proposito di straordinari progressi scientifici, come il primo telefono di Meucci oppure a grandi corporation come Google che investano in ricerca e sviluppo.

 

In realtà buona parte dei brevetti non vengono concessi per straordinari progressi scientifici, ma piuttosto per invenzioni che permettono miglioramenti ad invenzioni esistenti, come la seconda o la terza generazione di un prodotto o di un processo che funzioni in maniera più economica o efficiente del passato.

Per le invenzioni più strettamente incrementali esistono poi i brevetti di modelli di utilità che hanno una durata più ridotta e possono essere ottenuti più facilmente.

 

Ma quali sono i motivi per cui decidere di brevettare le invenzioni?

 

  • Diritti di esclusiva: i brevetti offrono un diritto esclusivo per impedire ad altri di sfruttare commercialmente un’invenzione per vent’anni, dalla data del deposito della domanda di brevetto.

 

  • ROI: dopo aver investito una considerevole quantità di tempo e denaro nello sviluppare prodotti innovativi, grazie ai diritti di esclusiva derivanti da brevetti è possibile prendere una posizione nel mercato come prima azienda e ottenere grazie a ciò un maggiore ritorno dall’investimento (ROI).

 

  • Possibilità di dare in licenza o vendere l’invenzione: se decidete di non sfruttare voi stessi il brevetto, potreste vendere o concedere in licenza la commercializzazione dell’invenzione brevettata ad un’altra azienda, costituendo così una fonte di guadagno per la vostra impresa.

 

  • Maggiore leva negoziale: se la vostra società sta per acquisire i brevetti da un’altra azienda attraverso un contratto di licenza, il vostro portafoglio di brevetti migliorerà la vostra leva negoziale e, ad esempio, i vostri brevetti potrebbero risultare interessanti per l’azienda con la quale state negoziando e entrambe potreste accordarvi per entrare in una licenza reciproca dei rispettivi brevetti.

 

  • Immagine: i partner, gli investitori e gli azionisti possono percepire il portafoglio dei brevetti come una dimostrazione di un elevato livello di competenza, specializzazione e capacità tecnologica all’interno della vostra azienda, fattori molto utili quando si vuole raccogliere capitale di rischio, individuare partner commerciali e aumentare il valore sul mercato della vostra azienda.

 

 

E se non brevetto le mie invenzioni?

Se non brevetto le mie invenzioni i miei concorrenti possono approfittarne e, se il mio prodotto ha successo molte altre aziende concorrenti possono essere tentate dal produrre lo stesso prodotto usando la vostra invenzione senza dover chiedere il vostro permesso.

 

Aziende più grandi della vostra possono godere di un’economia di scala e produrre il vostro prodotto più economicamente e competere contro di voi con un prezzo di mercato più basso. Ciò può ridurre la vostra quota di mercato per quel prodotto.

Anche aziende più piccole potrebbero produrre il vostro prodotto a un prezzo più basso e competere vantaggiosamente perché non devono recuperare i costi di sviluppo che voi avete già dovuto affrontare.

 

Accanto a ciò la possibilità di concedere in licenza, vendere o trasferire tecnologia viene gravemente ostacolata se non resa impossibile se non brevettate la vostra invenzione.

Il trasferimento di tecnologia parte dall’assunto che una o più parti hanno la proprietà legale di una tecnologia e ciò può essere efficacemente ottenuto solo attraverso la protezione della proprietà industriale (IP).

Senza la protezione dell’IP per una certa tecnologia tutte le parti tendono a essere sospettose nello scoprire le proprie carte durante le trattative, per paura che l’altra parte possa scappare via con la vostra invenzione.

 

Infine dovete anche considerare che qualcun altro potrebbe brevettare la vostra invenzione prima di voi. La prima persona o azienda che brevetta un’invenzione avrà diritto a quel brevetto.

Questo significa che se non brevettate voi la vostra invenzione o l’invenzione fatta da un dipendente della vostra società, qualcun altro che può aver sviluppato qualcosa di simile anche successivamente può farlo.

Ciò potrebbe legittimamente escludere la vostra azienda dal mercato, limitare in alcuni casi le vostre attività alla continuazione dell’uso precedente o, in altri casi, chiedere alla vostra azienda di pagare un canone di licenza per l’uso della “vostra” invenzione.

 

In ogni caso, per assicurarvi che nessuno possa brevettare la vostra invenzione, invece di depositare una domanda di brevetto potete rivelare la vostra invenzione al pubblico così da farla diventare “tecnica nota” per qualsiasi domanda di brevetto che dovesse essere depositata dopo la vostra pubblicazione. In questo modo qualsiasi domanda di brevetto da parte di chicchessia successiva a tale rivelazione pubblica, in molti casi compresa una vostra stessa domanda di brevetto, verrà rigettata dagli uffici preposti per mancanza del requisito di “novità”.

 

Ma cosa fare con un brevetto?

 

La protezione è facile, vendere è difficile.

Assicuratevi di iniziare, anche prima di ottenere un brevetto, l’esplorazione del mercato per valutare la vendibilità del prodotto risultante dall’invenzione. Dopo il brevetto uno sforzo ancora più importante dovrebbe essere profuso nelle ricerche e nella strutturazione del mercato per il vostro prodotto innovativo.

 

Cercate quindi di capire come il vostro prodotto può essere prodotto industrialmente.

 

La produzione industriale è un passaggio fondamentale per portare qualsiasi invenzione sul mercato. Riuscirete a produrre e distribuire il vostro prodotto ad un prezzo che il mercato considererà interessante? Questa è una domanda fondamentale.

 

Testate l’idea del prodotto per capire se ha mercato, cominciando molto presto, anche prima del brevetto stesso se possibile. Verificate presto il livello d’interesse nella vostra invenzione, ad esempio provando a esplorare concessione in licenza, iniziando uncrowdfunding, o facendo delle vere e proprie indagini di mercato.

 

Rispettate il valore dell’esperienza in quel settore.

La mancanza di conoscenza può essere fatale. Molti inventori ritengono che sia la mancanza di risorse economiche la barriera principale, ma in realtà è la mancanza di esperienza. Serve molto più di un brevetto e tanti soldi per portare un’invenzione seriamente sul mercato. Per questo dietro a nuove aziende di successo troviamo squadre di fondatori, persone che hanno portato sul mercato prodotti simili.

Non affidatevi ad aziende esterne che facciano tutto il lavoro di commercializzazione per voi: ci vuole lavoro vero e nessuno lavorerà più duramente di voi per portare il vostro prodotto innovativo sul mercato.

 

L’agevolazione Brevetti+

 

Il bando Brevetti+ è finalizzato all'acquisto di servizi specialistici per la valorizzazione economica di un brevetto in termini di redditività, produttività e sviluppo di mercato.

 

L’incentivo può finanziare l’acquisto di servizi specialistici relativi a:

  • industrializzazione e ingegnerizzazione
  • organizzazione e sviluppo
  • trasferimento tecnologico.

 

Le agevolazioni prevedono un contributo a fondo perduto fino a un massimo di 140.000 euro che non può superare l’80% dei costi ammissibili. Per gli spin-off accademici e per le iniziative con sede operativa in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia le agevolazioni possono arrivare al 100% dei costi ammissibili. Gli incentivi sono concessi nel regime de minimis.

 

È riservato a PMI italiane:

  • titolari o licenziatari di un brevetto per invenzione industriale concesso in Italia successivamente al 1° gennaio 2017.

 

  • Titolari di una domanda nazionale di brevetto per invenzione industriale depositata successivamente al 1 gennaio 2016 con un rapporto di ricerca con esito “non negativo”.

 

  • Titolari di una domanda di brevetto europeo o di una domanda internazionale di brevetto depositata successivamente al 1 gennaio 2016, con un rapporto di ricerca con esito “non negativo” che rivendichi la priorità di una precedente domanda nazionale di brevetto.

 

  • In possesso di una opzione o di un accordo preliminare che abbia per oggetto l’acquisto di un brevetto o l’acquisizione in licenza di un brevetto per invenzione industriale, rilasciato in Italia successivamente al 1 gennaio 2017, con un soggetto, anche estero, che ne detenga la titolarità.

 

  • Imprese neo-costituite in forma di società di capitali, a seguito di operazione di Spin-off universitari/accademici.

 

Scopri il nuovo bando >  Brevetti + 

 
 
 
 
 
 
 

Non perdere gli ultimi articoli!

Inserisci la tua email 

TAG CLOUD

covid-19 innovazione finanza operations startup coronavirus PMI pmi marketing internazionalizzazione innovazione digitale innovazione tecnologica innovation manager andrà tutto bene digital transformation smart working controllo di gestione impresa industria 4.0 business digital marketing business development lavoro agile io resto a casa export consulenza finanziaria Innovazione prototipazione rapida economia impresa digitale digital innovazione aziendale fintech innovation IoT gestione aziendale compliance comunicazione d'impresa gestione del rischio cina Ricerca & Sviluppo liquidità impresa mercati esteri gestione risorse umane legge finanziaria 2020 gestione impresa piano impresa 4.0 big data Impresa crescita aziendale stampa 3d temporary management equity crowdfunding covid soft skill CFO credito d'imposta e-commerce sviluppo impresa digitalizzazione Digital Transformation system integration GDPR temporary manager venture capital voucher innovation manager finanza agevolata risorse umane vendita online HR Al fase 2 trasformazione digitale crowdfunding cybersecurity business opportunity criptovaluta crisi economica bonus pubblicità bonus impresa blockchain beni di lusso buzzoole consulenza come fare un business plan consulenza HR cloud computing commissione di massimo scoperto community conad consulente comunicazione aziendale cloud clausola salvaguardia capacità di feedback cambio valuta concorrenzasleale business plan startup contributo a fondo perduto cash flow consulenza impresa consumi contact tracing business plan Strumento a complemento della finanza tradizionalenel segno dell’innovazione e della trasparenza Fractional Manager Fractional management Gestione del personale Fintech Financial Controller Manager ExtraMot Financial Controller Gestione manageriale H R IP Management Il controllo di gestione IA Human resources Harmont & Blaine Human Resources Exponential Technologies Ecommerce Bankitalia CRM CRM aziendale evoluto Analisi di bilancio AR 2watch 3d printing Change Management Cloud Consulenza direzionale Credito d'Imposta Consulenza Comunicazione interna Comfort Zone Commissione europea Impresa 4.0 innovativa Impresa digitale Sostenibilità data protection Sviluppo Sanità 4.0 Salva banche Risk Management Risorse Umane Temporary Export Manager Temporary management analisi paese andràtuttobene alibaba agevolazioni Voucher T.E.M. acceleratore startup Reverse Engineering Rendiconto finanziario Internazionalizzazione Iot Intelligenza artificiale Innovation management Industrial Controller Innovation Manager Kaizen Lean PMI innovative Produzione 4.0 Material Requirement Planning Marketing Lean manufacturing Lean organization asset management fasi del risk management regolamento Ue retail realtà aumentata public relations protezione dati personali pubblicità reverse engineering riduzione sprechi robotica avanzata scaleup risorse finanziarie risk manager rischio cambio risk management protezione dati project manager normativa open innovation newfinance new normal minibond modello business opensource organizzazione aziendale processi di gestione processi operativi privacy pmi innovative pmi innovativa screening settore fashion tech tecnologia sviuppo impresa sviluppo sostenibile sviluppo organizzativo sviluppo risorse umane tecnologia avanzata tecnologie 4.0 voucher innovazione web marketing voucher innovation manager 2021 tracciamento dati tecnologie della sanità tecnologie verdi sviluppo business supporto imprese soft skills soft skill” social media marketing sicurezza informatica shared innovation sicurezza dati sparring partner spinup stratup supply chain strategia di comunicazione strategia d'impresa sport virtuale metodi organizzativi aziendali innovativi metodi formativi formazione 4.0 formazione a distanza finanziamenti imprese finanzalternativa webidoo feedback formazione manageriale freesource gestione efficiente gestione finanziaria gestione del credito gdpr fund raising gdo esports employee experience development dialogo uomo-macchina deliver to stock decreto rilancio decreto cura Italia decreto liquidità digitalizzazione aziendale digitalizzazione impresa emergenza coronavirus emergenza covid ecommerce e-learning e-finance gestione personale gestione rischi investimenti green italia smart investimenti international market integrazione processi aziendali intelligenza emotiva leadership made in italy marketing digitale maxi decreto marketing automation manager esterno make to order insurtech innovazone digitale impresa 4.0 impresa innovativa il ruolo dell'advisor human resources management grande distribuzione organizzata green economy impresa smart imprese influencer influencer marketing industria digitale incentivi impresa incentivi economici dati
Iscriviti alla newsletter
Cross Hub Logo

Affiancare le imprese, enti ed istituzioni in tutti gli aspetti di natura strategica ed operativa attraverso la "mobilitazione integrata" (CROSS) di competenze ed esperienze (HUB) in risposta alle specifiche esigenze aziendali.

CONTACT INFO

 

SEDE LEGALE

Via dei Mille, 47

80121 - Napoli

 

SEDE OPERATIVA

Piazza Carità, 32 

80134 - Napoli

Tel. 081 0102554

 

P.IVA: 08060921213

info@crosshub.it

crosshub@b2bpec.it

Follow us