Back

5 errori da evitare nei processi di insediamento internazionale

L'espansione sui mercati esteri si presenta per le PMI come un percorso ad ostacoli,che può essere affrontato con successo, solo attraverso una adeguata preparazione ed una opportuna mobilitazione delle risorse e competenze necessarie.

Diego Mensitieri

Postato il: 06-Sep-2019

1. Riprodurre il sistema di offerta domestico

 

“Se ho avuto successo qui, posso andare dovunque!”.

Le PMI commettono spesso l’errore di riprodurre “tel quel” il sistema di offerta domestico quando si insediano in paesi esteri.

Si sottovaluta che la cultura del paese estero permea le reazioni al sistema di offerta, che possono essere negative rispetto ad esempio ad un packaging percepito come trascurato, all’assenza di un servizio post-vendita ritenuto essenziale o anche semplicemente al modo di percepire il brand.

 

2. Sottovalutare le analisi di contesto politico, legale e amministrativo

 

Le analisi di contesto sono fondamentali per costituire il nocciolo delle tutele legali al fine di ridurre al minimo i rischi commerciali.

Inoltre, le agenzie governative locali hanno requisiti rigorosi che necessitano di documentazione legale in regola prima di commercializzare i prodotti all’interno del paese.

Queste attività richiedono esborsi che non sono da sottovalutare e che vanno adeguatamente pianificati.

 

L’infrastruttura fiscale e finanziaria va compresa appieno per evitare rischi durante l’operatività locale che vadano ad impattare la profittabilità dell’iniziativa.

 

La mancanza di una efficace politica di protezione del marchio è un altro degli errori che frequentemente si registrano in chi inizia ad operare all’estero.

 

3. Mancanza di pianificazione di business e finanziaria

 

L’insediamento in un paese estero equivale alla costituzione di una start-up! Pertanto, risulta essenziale la predisposizione di un Business Plan che a valle produca il fabbisogno finanziario per sostenere il piano di investimenti e l’operatività iniziale.

 

Quindi, occorre approfondire e determinare le potenzialità di vendita del prodotto nel mercato identificato, chiedersi se c’è una domanda che non viene soddisfatta localmente, analizzare le dimensioni del mercato e, quindi, il costo del nostro prodotto sul mercato locale e via discorrendo.

 

4. Concentrarsi sulle vendite senza un piano di marketing

 

Affidarsi immediatamente alle strutture dei canali commerciali locali basandosi sulla presunzione che il costo più basso sia sempre e comunque vincente, è un altro errore, questo sì drammatico, che si riscontra spesso.

 

L’assenza di una analisi profonda delle esigenze e delle caratteristiche del potenziale cliente e del contesto competitivo è la causa principale di parecchi tentativi di insediamento falliti.

 

Il posizionamento del brand, una proposta di valore chiara, necessitano di un programma di marketing operativo dettagliato in grado di far emergere gli elementi differenzianti dell’azienda che facilitino l’accettazione del prodotto sul mercato.

 

Il piano di marketing internazionale si connota per la dimensione di integrazione con la casa madre ed è pertanto più complesso nella sua fase attuativa.

 

5. Affidarsi a manager senza esperienza internazionale

 

L’insediamento internazionale nelle sue fasi iniziali risponde a tutti i requisiti di project management.

La dimensione culturale/linguistica potrebbe indurre le PMI ad affidare il progetto ad un manager interno con qualche capacità linguistica. Questo è un errore da evitare.

L’esperienza di un manager abituato a lavorare in diversi paesi è insostituibile.

Conoscenza di business standards diversi, networking di professionisti internazionali, progetti portati a termine in situazioni di rischio paese elevato sono un patrimonio essenziale in un manager internazionale.

Ed è questa capacità la differenza tra un insediamento di successo ed uno fallito.

 

Concludendo

In tema di internazionalizzazione, il costo dell’inesperienza è particolarmente alto. Ciò suggerisce di non ricorrere al “fai da te” allo scopo di risparmiare sulle spese del processo di insediamento.

Affidarsi a professionisti esperti nella fase di analisi paese e pianificazione ed a Temporary Managers nella fase di esecuzione del piano di azione rappresenta il punto di equilibrio che minimizza i costi consentendo di espandersi con successo e con profitto.

 

TAG CLOUD

innovazione operations coronavirus startup covid-19 finanza andrà tutto bene PMI innovazione tecnologica digital transformation io resto a casa pmi innovation innovazione aziendale prototipazione rapida internazionalizzazione industria 4.0 business digital innovation manager compliance impresa big data piano impresa 4.0 gestione aziendale system integration sviluppo impresa temporary management Al voucher innovation manager fase 2 IoT fintech smart working business development legge finanziaria 2020 stampa 3d community come fare un business plan commissione di massimo scoperto covid deliver to stock decreto cura Italia development dialogo uomo-macchina e-finance digitalizzazione impresa dati criptovaluta concorrenzasleale conad contact tracing cloud computing crescita aziendale credito d'imposta comunicazione d'impresa blockchain H R GDPR ExtraMot Human Resources IP Management Iot Il controllo di gestione Exponential Technologies Digital Transformation Bankitalia AR 3d printing CRM CRM aziendale evoluto Credito d'Imposta Cloud Kaizen Lean business plan e-learning asset management business plan startup cambio valuta clausola salvaguardia cina andràtuttobene analisi paese Material Requirement Planning Lean organization Lean manufacturing Reverse Engineering Ricerca & Sviluppo Strumento a complemento della finanza tradizionalenel segno dell’innovazione e della trasparenza Salva banche cloud gestione del credito reverse engineering realtà aumentata protezione dati personali riduzione sprechi rischio cambio risk manager risk management project manager processi operativi open innovation normativa opensource organizzazione aziendale processi di gestione privacy robotica avanzata screening tecnologie 4.0 tecnologia sviluppo business tecnologie verdi temporary manager trasformazione digitale tracciamento dati supporto imprese supply chain sicurezza dati shared innovation soft skill soft skill” strategia d'impresa sparring partner newfinance modello business gestione efficiente gestione del rischio voucher innovazione gestione impresa gestione personale gestione risorse umane gestione rischi gdpr gdo fasi del risk management export finanzalternativa formazione 4.0 freesource formazione a distanza grande distribuzione organizzata il ruolo dell'advisor maxi decreto marketing make to order mercati esteri metodi formativi minibond metodi organizzativi aziendali innovativi lavoro agile investimenti green impresa digitale impresa 4.0 incentivi impresa industria digitale international market integrazione processi aziendali emergenza coronavirus
Iscriviti alla newsletter
Cross Hub Logo

Affiancare le imprese, enti ed istituzioni in tutti gli aspetti di natura strategica ed operativa attraverso la "mobilitazione integrata" (CROSS) di competenze ed esperienze (HUB) in risposta alle specifiche esigenze aziendali.

CONTACT INFO

 

SEDE LEGALE

Via dei Mille, 47

80121 - Napoli

 

SEDE OPERATIVA

Piazza Carità, 32 

80134 - Napoli

Tel. 081 0102554

 

P.IVA: 08060921213

info@crosshub.it

crosshub@b2bpec.it

Follow us