Back

La Cina, il cibo e il vino

Brevi considerazioni ed elementi di riflessione per le aziende italiane

Roberto Parrella

Postato il: 27-Feb-2019

Zhōngguó (“Regno di mezzo”), come i cinesi chiamano la loro patria, è ormai da tempo un colosso dell’economia mondiale.

I suoi 1,5 miliardi di abitanti, forti di una cultura ed uno spiccato senso di identità nazionale, sono il centro dei desideri di tutte le aziende che vogliono esportare i propri prodotti.

 

Attualmente la Cina sta vivendo uno dei periodi di maggior flessione dell’economia (solo un +6,6% nel 2018), nello stesso tempo in cui sta facendo il massimo sforzo per far crescere il mercato interno.

 

Ciò nonostante, l’interesse dei cinesi verso il mondo enogastronomico internazionale continua a crescere.

In tale contesto l’Italia viene sempre più considerata come punto di riferimento del “buon gusto”, inteso sia dal punto di vista della qualità del cibo che dello stile di vita alimentare.

 

Il Made in Italy è, infatti, anche in Cina sinonimo di qualità e di status, fattori che influenzano una significativa fetta di consumatori esigenti e con una posizione sociale privilegiata, stimabile in un potenziale di circa di 400 milioni di persone.

 

L’infinita storia di scandali alimentari verificatisi negli ultimi anni sul territorio cinese, ha determinato, inoltre, una particolare attenzione al controllo della qualità del cibo e un atteggiamento pregiudizievole verso i prodotti alimentari di provenienza locale.

 

Tale circostanza ha favorito, di conseguenza, lo sviluppo di un significativo spazio di mercato per i cibi di origine estera i quali, in considerazione della regolare importazione nel rispetto delle stringenti normative doganali, vengono considerati dai cinesi prodotti “altamente salutari” e “di qualità”.

 

Un comparto particolarmente interessante per le imprese italiane è rappresentato da quello vinicolo all’interno del quale si ripropone l’eterna sfida con i cugini francesi.

Nonostante, infatti, l’Italia preceda la Francia come leader nella produzione a livello mondiale, in Cina tuttavia alla parola vino 7 cinesi su 10 associano ancora oggi l’immagine dei prodotti francesi mentre solo 2 cinesi su 10 invece l’associano all’Italia!

 

Dal punto di vista della tipologia di vino, in Cina il 75% del mercato è rappresentato dai “rossi” e solo il 25% si divide tra bollicine (in aumento) e bianchi. 

Sul bianco c’è anche un problema culturale da superare: bianco è il colore del lutto per i cinesi.

Inoltre, secondo la medicina tradizionale cinese, non dovrebbero essere assunte bevande fredde.

 

Nella nostra cultura l’abbinamento del vino con le pietanze e l’ordine in cui è servito è un particolare fondamentale: in Cina non è assolutamente così!

 

Nelle tavole cinesi spesso si trovano diverse bevande: la birra, il vino, il baijiu (tipico liquore cinese) e altre tipologie, senza badare minimamente agli accostamenti e all’ordine di consumo.

Infatti, il pasto cinese non è costituito da una sequenza ordinata di portate, ma i piatti vengono serviti tutti insieme.

 

Immaginare di proporre un vino in Cina imponendo degli accostamenti con la loro cucina è una follia in termini di marketing. 

 

Ancora oggi, tuttavia, sono tantissime le aziende italiane che continuano ad approcciare il mercato cinese cercando di “imporre” usi ed abitudini prettamente nostrani ergendoli addirittura ad “elementi-chiave” della propria strategia di sviluppo internazionale.

 

In effetti, per le aziende italiane interessate ad entrare sul mercato cinese c’è ancora tantissimo da fare, soprattutto sotto il profilo dell’offering e della comunicazione.

 

Prima di intraprendere percorsi di export ed insediamento in loco sarebbe, infatti, saggio ascoltare chi ha già operato sul campo e conosce bene la cultura cinese, millenaria e permalosaDolce e Gabbana docet !!

Non perdere gli ultimi articoli!

Inserisci la tua email 

TAG CLOUD

innovazione operations coronavirus startup covid-19 finanza andrà tutto bene PMI innovazione tecnologica digital transformation io resto a casa pmi innovation innovazione aziendale prototipazione rapida internazionalizzazione industria 4.0 business digital innovation manager compliance impresa big data piano impresa 4.0 gestione aziendale system integration sviluppo impresa temporary management Al voucher innovation manager fase 2 IoT fintech smart working business development legge finanziaria 2020 stampa 3d community come fare un business plan commissione di massimo scoperto covid deliver to stock decreto cura Italia development dialogo uomo-macchina e-finance digitalizzazione impresa dati criptovaluta concorrenzasleale conad contact tracing cloud computing crescita aziendale credito d'imposta comunicazione d'impresa blockchain H R GDPR ExtraMot Human Resources IP Management Iot Il controllo di gestione Exponential Technologies Digital Transformation Bankitalia AR 3d printing CRM CRM aziendale evoluto Credito d'Imposta Cloud Kaizen Lean business plan e-learning asset management business plan startup cambio valuta clausola salvaguardia cina andràtuttobene analisi paese Material Requirement Planning Lean organization Lean manufacturing Reverse Engineering Ricerca & Sviluppo Strumento a complemento della finanza tradizionalenel segno dell’innovazione e della trasparenza Salva banche cloud gestione del credito reverse engineering realtà aumentata protezione dati personali riduzione sprechi rischio cambio risk manager risk management project manager processi operativi open innovation normativa opensource organizzazione aziendale processi di gestione privacy robotica avanzata screening tecnologie 4.0 tecnologia sviluppo business tecnologie verdi temporary manager trasformazione digitale tracciamento dati supporto imprese supply chain sicurezza dati shared innovation soft skill soft skill” strategia d'impresa sparring partner newfinance modello business gestione efficiente gestione del rischio voucher innovazione gestione impresa gestione personale gestione risorse umane gestione rischi gdpr gdo fasi del risk management export finanzalternativa formazione 4.0 freesource formazione a distanza grande distribuzione organizzata il ruolo dell'advisor maxi decreto marketing make to order mercati esteri metodi formativi minibond metodi organizzativi aziendali innovativi lavoro agile investimenti green impresa digitale impresa 4.0 incentivi impresa industria digitale international market integrazione processi aziendali emergenza coronavirus
Iscriviti alla newsletter
Cross Hub Logo

Affiancare le imprese, enti ed istituzioni in tutti gli aspetti di natura strategica ed operativa attraverso la "mobilitazione integrata" (CROSS) di competenze ed esperienze (HUB) in risposta alle specifiche esigenze aziendali.

CONTACT INFO

 

SEDE LEGALE

Via dei Mille, 47

80121 - Napoli

 

SEDE OPERATIVA

Piazza Carità, 32 

80134 - Napoli

Tel. 081 0102554

 

P.IVA: 08060921213

info@crosshub.it

crosshub@b2bpec.it

Follow us