Back

Innovation Manager ed accesso al capitale di rischio

Strumento per aiutare le stratup-innovative

Marco Mensitieri

Postato il: 20-Nov-2019

Il prossimo 3 dicembre alle ore 10,00 partirà il click-day relativo all’accesso al Voucher Mise 2019 per l’innovazione.

 

La disciplina del voucher per favorire l’acquisizione di competenze manageriali finalizzate a percorsi di innovazione si inserisce in una serie di interventi legislativi che nel corso del tempo hanno mirato a favorire in generale le imprese, in particolare le microimprese e le PMI, soprattutto se coinvolte in processi di innovazione.

 

Concentrandoci sulla fattispecie giuridica delle startup innovative, vogliamo in questa sede offrire un rapido excursus sui principali (a nostro giudizio) strumenti messi a disposizione dalla legislazione.

 

Il legislatore è intervenuto in primis favorendo il profilo dell’accesso al capitale di debito.

 

Lo strumento della garanzia fornita dal Mediocredito Centrale, soprattutto, ha favorito, l’accesso al capitale di debito, consentendo un allungamento delle scadenze verso forme di indebitamento a medio/lungo capitale durevole.

L’utilizzo di questa garanzia consente alle banche di applicare tassi molto vantaggiosi avvalendosi appunto della garanzia fino all’80% del finanziamento.

Le banche in genere chiedono che il 20% degli impegni finanziati dal chirografario sia coperto da patrimonio netto e fidejussioni personali dei soci.

Sono escluse per legge altre forme di garanzia.

 

Una ulteriore forma di finanziamento di programmi di investimento e di spese correnti a "tasso 0" con periodo di preammortamento è rappresentata dal programma "Smart & Start", gestito da Invitalia per conto del MISE.

 

Per iniziative nel Mezzogiorno il 30% dell’intervento è a fondo perduto.

 

Di particolare rilievo è inoltre il credito d’imposta per ricerca e sviluppo, che per le sue modalità può essere considerato una tipologia di finanziamento del circolante.

Il credito d’imposta è infatti scomputabile dagli F24, una volta che i costi siano stati certificati da un revisore.

 

Uno dei criteri per qualificare una startup come innovativa è infatti l’impegno a dedicare almeno il 15% del proprio valore della produzione a spese di ricerca e sviluppo.

 

Ebbene, sull’ incremento di tali spese, rispetto al triennio 2012-2014 (ma dal 2020 il triennio di riferimento sarà 2017-2019) è riconosciuto un credito di imposta misurato in genere al 50% delle spese R&S (costi del personale dedicato alla ricerca, consulenze fornite da centri di ricerca, startup e Pmi innovative).

Misure volte a potenziare tale strumento per le aziende del Mezzogiorno sono in discussione.

 

Tuttavia, a nostro giudizio, maggiore rilievo assumono gli interventi volti a favorire l’accesso al capitale di rischio.

 

Sotto questo profilo, tralasciando in questa sede lo strumento del PIR (peraltro oggetto di riflessione perché l’esperienza al momento è solo parzialmente positiva per le PMI in quanto gli investimenti si sono rivolte a società di dimensioni maggiori), è opportuno fare una distinzione a seconda della fase in cui vive l’azienda, distinguendo tra seed-capital, venture capital e private equity

 

All’inizio della sua esistenza (early stage), il capitale è fornito, oltre che dai fondatori, da altri investitori occasionali o professionali.

In questa fase l’ammontare del capitale richiesto è generalmente inferiore al milione di euro.

 

Una modalità disciplinata dal legislatore è il cd. equity crowfunding, ossia l’organizzazione di campagne di investimento indirizzate a raccogliere capitali su piattaforme informatiche rivolte ad un pubblico più o meno esteso di investitori, con un taglio minimo di investimenti potenzialmente aperto a molte tasche.

 

Per interventi più significativi, superiori al milione di euro, dove è necessario uno scale-up dell’iniziativa, intervengono sempre investitori professionali, ossia fondi di venture capital e di private equity.

 

Vi sono agevolazioni fiscali significative sia ai fini IRPEF (detrazioni) che IRES (deduzioni) per coloro che intervengono nel capitale di start-up e pmi innovative (30% del’investimento entro il limite di 1 milione di investimento per le persone fisiche, 1,8 milioni per società di capitali).

 

L’avvio e l’esecuzione di questi programmi di intervento richiede l’assistenza di manager specializzati.

 

In genere,i founders delle start-up sono concentrati sul prodotto/servizio ma trascurano, anche per mancanza di mezzi finanziari, di dotarsi di competenze manageriali in termini di "go to market" e di accesso al mondo dei fornitori di capitali.

 

In particolare, per accedere al capitale di rischio, occorre sicuramente formalizzare un piano industriale su un orizzonte temporale di almeno 5 anni che, partendo dall’analisi del mercato e della competizione e mediante la SWOT analysis, definisca la strategia commerciale e finanziaria dell’impresa volta al raggiungimento degli obiettivi aziendali.

 

Nell’ottica di quanto sopra esposto, il legislatore è intervenuto prevedendo come dorsale di innovazione, da comprendere nel voucher per innovation management, l'avvio di percorsi finalizzati alla quotazione su mercati regolamentati o non regolamentati, alla partecipazione al programma Elite, all’apertura del capitale di rischio a investitori indipendenti specializzati nel private equity o nel venture capital, all’utilizzo dei nuovi strumenti di finanza alternativa e digitale quali, a titolo esemplificativo, l’equity crowdfunding, l’invoice financing, l’emissione di minibond.”

 

I programmi hanno una durata compresa tra i 9 ed i 15 mesi e non possono prescindere all’acquisizione, mediante apposto contratto, di una risorsa specializzata che possa assistere l’impresa non solo nella formulazione del piano d’impresa, ma soprattutto nella sua esecuzione almeno iniziale, che nel caso specifico, sicuramente riguarda anche la fase di assistenza alla negoziazione con le società che gestiscono fondi di venture capital o piattaforme di crow-funding.

 

Per microimprese e piccole imprese (ossia imprese con meno di 50 dipendenti e fatturato o bilancio non superiore ai 10 milioni di euro), viene rimborsato il 50% del costo sostenuto per l’acquisizione della risorsa manageriale, fino ad un massimo di 40.000 Euro.

 

Vuoi avere maggiori informazioni sui servizi in grado di supportare l'innovazione digitale e tecnologica della tua impresa? 

 
 
 

CONTATTACI!

I nostri partner potranno indicarti come utilizzare al meglio il Voucher, progettando con te il miglior percorso di innovazione e digitalizzazione per la tua Azienda

 
* campi obbligatori
 
 
 

 

 
 

TAG CLOUD

innovazione operations coronavirus startup covid-19 finanza andrà tutto bene PMI innovazione tecnologica digital transformation io resto a casa pmi innovation innovazione aziendale prototipazione rapida internazionalizzazione industria 4.0 business digital innovation manager compliance impresa big data piano impresa 4.0 gestione aziendale system integration sviluppo impresa temporary management Al voucher innovation manager fase 2 IoT fintech smart working business development legge finanziaria 2020 stampa 3d community come fare un business plan commissione di massimo scoperto covid deliver to stock decreto cura Italia development dialogo uomo-macchina e-finance digitalizzazione impresa dati criptovaluta concorrenzasleale conad contact tracing cloud computing crescita aziendale credito d'imposta comunicazione d'impresa blockchain H R GDPR ExtraMot Human Resources IP Management Iot Il controllo di gestione Exponential Technologies Digital Transformation Bankitalia AR 3d printing CRM CRM aziendale evoluto Credito d'Imposta Cloud Kaizen Lean business plan e-learning asset management business plan startup cambio valuta clausola salvaguardia cina andràtuttobene analisi paese Material Requirement Planning Lean organization Lean manufacturing Reverse Engineering Ricerca & Sviluppo Strumento a complemento della finanza tradizionalenel segno dell’innovazione e della trasparenza Salva banche cloud gestione del credito reverse engineering realtà aumentata protezione dati personali riduzione sprechi rischio cambio risk manager risk management project manager processi operativi open innovation normativa opensource organizzazione aziendale processi di gestione privacy robotica avanzata screening tecnologie 4.0 tecnologia sviluppo business tecnologie verdi temporary manager trasformazione digitale tracciamento dati supporto imprese supply chain sicurezza dati shared innovation soft skill soft skill” strategia d'impresa sparring partner newfinance modello business gestione efficiente gestione del rischio voucher innovazione gestione impresa gestione personale gestione risorse umane gestione rischi gdpr gdo fasi del risk management export finanzalternativa formazione 4.0 freesource formazione a distanza grande distribuzione organizzata il ruolo dell'advisor maxi decreto marketing make to order mercati esteri metodi formativi minibond metodi organizzativi aziendali innovativi lavoro agile investimenti green impresa digitale impresa 4.0 incentivi impresa industria digitale international market integrazione processi aziendali emergenza coronavirus
Iscriviti alla newsletter
Cross Hub Logo

Affiancare le imprese, enti ed istituzioni in tutti gli aspetti di natura strategica ed operativa attraverso la "mobilitazione integrata" (CROSS) di competenze ed esperienze (HUB) in risposta alle specifiche esigenze aziendali.

CONTACT INFO

 

SEDE LEGALE

Via dei Mille, 47

80121 - Napoli

 

SEDE OPERATIVA

Piazza Carità, 32 

80134 - Napoli

Tel. 081 0102554

 

P.IVA: 08060921213

info@crosshub.it

crosshub@b2bpec.it

Follow us