Back let s talk cross hub: intervista seedup. Innovazione e startup

Il rilancio dell'Italia parte dalle startup: la pandemia accelera il processo di innovazione del nostro paese

Luca Genovese

Postato il: 10-Mar-2021

I mesi appena trascorsi hanno stravolto abitudini e comportamenti individuali, sociali e organizzativi e messo a dura prova convinzioni e certezze radicate nel tempo.

 

Se da un lato le attuali e prolungate condizioni di incertezza sul futuro hanno contribuito a fermare interi comparti dell’economia, è anche vero che, come sosteneva Albert Einstein, “nel mezzo delle difficoltà nascono le opportunità”.

 

“L’incertezza”, d’altronde, come affermava il sociologo Zygmunt Bauman, rappresenta da sempre “il vero motore delle attività umane” che contribuisce ad alimentare la pulsione verso l’innovazione e il miglioramento.

 

Ne parliamo con Alberto Celentano, CEO e Co-Founder di Seedup, acceleratore di idee e progetti / startup innovative.

 

1)Buongiorno Alberto, finalmente anche l’Italia, sulla spinta di quanto già avviene da anni con successo in altre parti del mondo, ha iniziato ad investire, seppur ancora timidamente, nell’ecosistema dell’innovazione e delle startup. In questa sfida, un ruolo fondamentale è quello giocato dagli “acceleratori” come “Seedup”. Potresti raccontarci com’è nato il vostro progetto e come si configura più in generale all’interno dell’ecosistema dell’innovazione del nostro Paese?

 

Alberto: Ciao e grazie innanzitutto per avermi invitato a partecipare a questa piacevole iniziativa “Let’s Talk”.

SeedUp nasce nel 2015 come acceleratore di startup innovative con l’obiettivo di favorirne la nascita, lo sviluppo e la crescita attraverso un programma di pre -accelerazione.

 

La società nasce dal mio desiderio e di altri giovani imprenditori, manager di aziende corporate e docenti universitari nel mettere a disposizione, oltre i nostri capitali personali, principalmente il nostro network e le nostre expertise in favore delle startup per velocizzarne il percorso di nascita e di crescita.

 

Riguardo l’ecosistema startup in Italia il nostro acceleratore si configura sicuramente come una piccola eccellenza tra i veicoli privati che investono in una fase molto critica, quanto essenziale, come quella del pre - seed per startup che operano nei settori della green / circular economy.

 

Il sistema-paese Italia inizia a guardare finalmente con la giusta attenzione al mondo dell’innovazione delle startup, ma è ancora sensibilmente troppo arretrato rispetto ad altri paesi UE, senza parlare di extra UE come USA, Asia e Israele la cui differenza sarebbe abissale, in termini di volumi di investimento (per dare una grandezza di riferimento concreta: 600 MLN ITA contro i circa 5MLD della Francia), sensibilizzazione anche culturale a temi legati alla digitalizzazione e cultura di impresa, scarsa cooperazione tra i diversi enti/società attivi sul territorio nazionale e regionale (salvo piccoli distretti di eccellenza del nord Italia)

 

2) Ancora oggi l’Italia registra una ridotta capacità di attrarre idee e investimenti rispetto alle cosiddette  “Startup Nation”, come Israele e USA, o a competitor diretti, come Germania e Francia che possono contare, invece, su un’industria del venture capital fino a 6,5 volte più grande di quella italiana. Secondo te, a cosa è dovuta questa difficoltà “storica” a scalare che manifestano le startup italiane e come possiamo superarla?

 

Alberto: Queste nazioni, che abbiamo entrambe menzionato, sono ormai i principali ecosistemi startup al mondo.

I risultati raggiunti da queste nazioni in termini di volumi di investimento, numero di startup, valutazioni finanziarie delle stesse, numero di unicorni e sviluppo economico lavorativo creato intorno all’ecosistema startup nascono principalmente da una visione, di lungo periodo, politica di sistema da parte delle singole nazioni di cui sopra.

 

Cooperazione tra i diversi interlocutori della filiera startup, agevolazioni fiscali, burocrazia semplice e liquidità sono sicuramente ricette comuni a tutti questi paesi.

 

In Italia la difficoltà a “scalare” a mio avviso nasce sia per la quasi assenza dei fattori citati, ma paradossalmente anche culturali spesso nella non piena consapevolezza della conoscenza del termine “scalare” così come replicabile e profittevole (miei personali mantra). Insomma in questi 7 anni ho sentito tanti giovani e meno giovani imprenditori o aspiranti tali rivolgersi a SeedUp per investire nella loro pizzeria di quartiere o in app che non avevano un modello di business/ricavi.

 

3) Sappiamo che non esiste una formula magica per avere successo. Guardando alle startup che avete supportato, ci sapresti indicare se esistono, e quali sono, le strategie comuni che hanno permesso loro di crescere e affermarsi sul mercato?

 

Alberto: La formula del successo non esiste, ma resilienza, etica, concretezza, visione, execution, un grande team affiatato, dal pieno commitment, affamato e dalle competenze diversificate, un CEO leader, fanno quasi sempre la differenza!

 

Caratteristiche che avevano i ragazzi del team River Cleaning, con cui abbiamo fatto una exit post vincita nostro ultima edizione del contest “dall’idea all’impresa green" nel 2019 dopo solo 8 mesi di percorso di pre - accelerazione.

Caratteristiche che ho intravisto anche in nostra ultima startup in “accelerazione” Boncà la carne, sono certo che ci darà risultati sopra le aspettative, cosa che parzialmente sta già avvenendo.

 

 

4) Secondo quanto emerge dalle statistiche, la maggior parte di startup innovative in Italia è concentrata nei settori dei servizi alle imprese soprattutto in ambito ICT, software, consulenza informatica e attività di R&S. Al di la di quanto emerge da tali dati attuali, quali sono a tuo avviso le principali aree nelle quali ci si potrà attendere per i prossimi anni una crescita sostenuta delle startup?

 

Alberto: Altra caratteristica comune dei paesi leader di cui sopra è anche quello, in ottica di buona “Open Innovation”, di concentrare gli investimenti nonché i match tra Corporate e Startup rispetto ai settori di eccellenza dei paesi di riferimento.

 

Siamo leader, oltre che altamente specializzati, da sempre in alcuni settori come: Automotive, Aerospace, Fashion, Turismo, Food / Wine. Non avrei fatica a pensare che prossimo unicorno Italiano sia operativo in uno di questi settori

 

 

5) Se da una parte “l’innovazione” rappresenta la chiave per lo sviluppo competitivo delle nostre aziende, dall’altro possiamo sicuramente individuare la “green economy” come ulteriore driver di crescita. I dati ci indicano, infatti, che solo 2019 si è registrato un picco degli investimenti sulla sostenibilità, con oltre 300.000 imprese coinvolte.

La recente pandemia ha ulteriormente rafforzato la consapevolezza della centralità della green e della circular economy. Fin dalla sua origine, Seedup è sempre stata molto attenta a questi temi come si dimostra dal recente lancio della 4° edizione del contest “Dall’idea all’impresa green”. Puoi illustrarci gli obiettivi e l’articolazione di questa iniziativa?

 

Alberto: Dal 2017 una scelta della governance di SeedUp è stata quella di investire le nostre risorse economiche e non solo, in startup che operassero solo nei settori attinenti o con traiettorie di business legate alla green / circular economy. Lanciando la prima “call” dall’idea all’impresa green proprio in quell’anno, raccogliendo da subito tantissime adesioni dalla community dei nostri preziosi partners e soprattutto tantissime application di startup circa 500 negli ultimi 4 anni.

 

La call ha per noi una funzione prioritaria e strategica in ottica della scelta di percorso di accelerazione da avviare all’interno della nostra business unit core SeedUp Acceleration insieme alla startup vincitrice a cui riconosciamo un seed del valore di 10.000 euro (cash/service).

 

Negli anni siamo riusciti a coinvolgere tanti prestigiosi partners al contest come il Gruppo Giovani Confindustria Napoli, l’Università Suor Orsola Benincasa, Ambiente spa e tanti altri player del mondo bancario, assicurativo, associativo. La loro presenza, al di là del prestigio, è per noi essenziale in termini di riuscita del contest in quanto, i partners / sponsors vengono attivamente coinvolti dal processo di scelta dei finalisti alla scelta del vincitore attraverso un loro delegato membro della giuria che decreta il vincitore.

 

Tali processi consentono un importante e concreto scambio di relazioni, sinergie e valutazioni di business tra noi, i partners e le startup a beneficio di tutti.

A partire da quest’anno, poi, sono particolarmente lieto di poter annoverare tra i nostri partners anche una società come Cross Hub che si è contraddistinta nel tempo per la sua capacità di “accelerare” startup e PMI mediante la propria rete di Temporary / Interim Manager operanti nei vari HUB di specializzazione, anche in modalità “fractional”.

 

Le application alla call quest’anno saranno disponibili dal 01/04/21 fino al 15/05/21 sul sito www.seedup.it. Tante novità anche quest’anno, che per ora ancora non posso svelarvi. Vi aspettiamo numerosi!

Non perdere gli ultimi articoli!

Inserisci la tua email 

TAG CLOUD

covid-19 innovazione operations finanza startup coronavirus PMI marketing pmi digital transformation andrà tutto bene internazionalizzazione smart working impresa innovazione tecnologica innovation manager industria 4.0 innovation economia prototipazione rapida innovazione digitale Innovazione controllo di gestione business development innovazione aziendale lavoro agile io resto a casa fintech digital digital marketing impresa digitale business gestione del rischio compliance IoT gestione aziendale Ricerca & Sviluppo liquidità impresa legge finanziaria 2020 big data comunicazione d'impresa gestione risorse umane piano impresa 4.0 cina gestione impresa Impresa fase 2 temporary management sviluppo impresa Al soft skill export stampa 3d crescita aziendale system integration consulenza finanziaria credito d'imposta GDPR voucher innovation manager risorse umane covid e-commerce venture capital vendita online finanza agevolata digitalizzazione HR trasformazione digitale bonus pubblicità blockchain crowdfunding cybersecurity beni di lusso crisi economica criptovaluta bonus impresa buzzoole come fare un business plan consulenza cloud computing cloud consulente commissione di massimo scoperto comunicazione aziendale concorrenzasleale community consulenza HR clausola salvaguardia contact tracing contributo a fondo perduto business plan startup conad cambio valuta consumi cash flow capacità di feedback business plan Strumento a complemento della finanza tradizionalenel segno dell’innovazione e della trasparenza Financial Controller Manager Fintech Financial Controller ExtraMot Ecommerce Exponential Technologies Fractional management Gestione del personale Human resources IA Human Resources Harmont & Blaine Gestione manageriale H R Digital Transformation Credito d'Imposta CFO CRM Bankitalia Analisi di bilancio 3d printing AR CRM aziendale evoluto Change Management Consulenza Consulenza direzionale Comunicazione interna Commissione europea Cloud Comfort Zone IP Management Il controllo di gestione Sanità 4.0 Sostenibilità Salva banche Risorse Umane Reverse Engineering Risk Management data protection Sviluppo analisi paese andràtuttobene alibaba agevolazioni Temporary management acceleratore startup Rendiconto finanziario Produzione 4.0 Innovation management Intelligenza artificiale Innovation Manager Industrial Controller Impresa 4.0 innovativa Impresa digitale Iot Kaizen Material Requirement Planning PMI innovative Marketing Lean organization Lean Lean manufacturing asset management fasi del risk management regolamento Ue retail realtà aumentata public relations protezione dati personali pubblicità reverse engineering riduzione sprechi risorse finanziarie robotica avanzata risk manager risk management rischio cambio protezione dati project manager newfinance normativa new normal modello business minibond open innovation opensource processi di gestione processi operativi privacy pmi innovativa organizzazione aziendale scaleup screening tecnologia tecnologia avanzata sviuppo impresa sviluppo sostenibile sviluppo organizzativo sviluppo risorse umane tecnologie 4.0 tecnologie della sanità voucher innovazione web marketing tracciamento dati temporary manager tecnologie verdi sviluppo business supporto imprese sicurezza informatica social media marketing sicurezza dati shared innovation settore fashion soft skills soft skill” stratup supply chain strategia di comunicazione strategia d'impresa sparring partner metodi organizzativi aziendali innovativi metodi formativi formazione 4.0 formazione a distanza finanziamenti imprese finanzalternativa webidoo feedback freesource fund raising gestione efficiente gestione finanziaria gestione del credito gdpr gdo equity crowdfunding employee experience deliver to stock development decreto rilancio decreto liquidità decreto cura Italia dialogo uomo-macchina digitalizzazione aziendale emergenza coronavirus emergenza covid e-learning e-finance digitalizzazione impresa gestione personale gestione rischi investimenti investimenti green international market intelligenza emotiva insurtech integrazione processi aziendali italia smart leadership maxi decreto mercati esteri marketing digitale marketing automation make to order innovazone digitale influencer marketing il ruolo dell'advisor impresa 4.0 human resources management green economy grande distribuzione organizzata impresa innovativa impresa smart industria digitale influencer incentivi impresa incentivi economici imprese dati
Iscriviti alla newsletter
Cross Hub Logo

Affiancare le imprese, enti ed istituzioni in tutti gli aspetti di natura strategica ed operativa attraverso la "mobilitazione integrata" (CROSS) di competenze ed esperienze (HUB) in risposta alle specifiche esigenze aziendali.

CONTACT INFO

 

SEDE LEGALE

Via dei Mille, 47

80121 - Napoli

 

SEDE OPERATIVA

Piazza Carità, 32 

80134 - Napoli

Tel. 081 0102554

 

P.IVA: 08060921213

info@crosshub.it

crosshub@b2bpec.it

Follow us