Back

Concorrenza sleale: fattispecie e difese

Un contributo al progresso delle Autorità garante nazionale

Guido Di Giacomo

Postato il: 13-Mar-2019

La legge punisce chi attraverso pratiche scorrette infrange i principi della libera concorrenza procurandosi ingiusti vantaggi, fondamentalmente economici, a danno dei concorrenti. Il danneggiato deve denunciare la pratica scorretta e richiedere il risarcimento del danno.Il danneggiato può richiedere l’intervento del giudice civile e/o della Autorità garante.

 

Ma vediamo in quali fattispecie si sostanzia la concorrenza sleale.

 

Il codice civile all’art. 2598. (Atti di concorrenza sleale), recita:

 

Ferme le disposizioni che concernono la tutela dei segni distintivi e dei diritti di brevetto, compie atti di concorrenza sleale chiunque:

  • usa nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o con i segni distintivi legittimamente usati da altri, o imita servilmente i prodotti di un concorrente, o compie con qualsiasi altro mezzo atti idonei a creare confusione con i prodotti e con l’attività di un concorrente;
  • diffonde notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull’attività di un concorrente, idonei a determinarne il discredito, o si appropria di pregi dei prodotti o dell'impresa di un concorrente;
  • si vale direttamente o indirettamente di ogni altro mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l'altrui azienda.

 

Il Trattato che istituisce la Comunità europea, firmato a Roma il 25 marzo 1957 e ratificato dall'Italia con legge 14 ottobre 1957, n. 1203, individua ulteriori fattispecie di concorrenza sleale negli artt. 81 e 82 come segue:

 

art. 81:

  1. fissare direttamente o indirettamente i prezzi d'acquisto o di vendita ovvero altre condizioni di transazione;
  2. limitare o controllare la produzione, gli sbocchi, lo sviluppo tecnico o gli investimenti,
  3. ripartire i mercati o le fonti di approvvigionamento;
  4. applicare, nei rapporti commerciali con gli altri contraenti, condizioni dissimili per prestazioni equivalenti, così da determinare per questi ultimi uno svantaggio nella concorrenza;
  5. subordinare la conclusione di contratti all'accettazione da parte degli altri contraenti di prestazioni supplementari, che, per loro natura o secondo gli usi commerciali, non abbiano alcun nesso con l'oggetto dei contratti stessi.

 

art. 82:

È incompatibile con il mercato comune e vietato, nella misura in cui possa essere pregiudizievole al commercio tra Stati membri, lo sfruttamento abusivo da parte di una o più imprese di una posizione dominante sul mercato comune o su una parte sostanziale di questo. Tali pratiche abusive possono consistere in particolare:

  1. nell'imporre direttamente od indirettamente prezzi d'acquisto, di vendita od altre condizioni di transazione non eque;
  2. nel limitare la produzione, gli sbocchi o lo sviluppo tecnico, a danno dei consumatori;
  3. nell'applicare nei rapporti commerciali con gli altri contraenti condizioni dissimili per prestazioni equivalenti, determinando così per questi ultimi uno svantaggio per la concorrenza;
  4. nel subordinare la conclusione di contratti all'accettazione da parte degli altri contraenti di prestazioni supplementari, che, per loro natura o secondo gli usi commerciali, non abbiano alcun nesso con l'oggetto dei contratti stessi.

 

Il Regolamento (CE) N. 1/2003 del Consiglio del 16 dicembre 2002 attribuisce i seguenti poteri alle Autorità garanti nazionali

 

Le autorità garanti della concorrenza degli Stati membri sono competenti ad applicare gli articoli 81 e 82 del trattato in casi individuali.

 

A tal fine, agendo d'ufficio o in seguito a denuncia, possono adottare le seguenti decisioni:

  • ordinare la cessazione di un'infrazione;
  • disporre misure cautelari;
  • accettare impegni;
  • comminare ammende, penalità di mora o qualunque altra sanzione prevista dal diritto nazionale.

 

Il Dlgs. N. 145/2007, ha attribuito all’Autorità garante anche il potere di vigilare sulla pubblicità ingannevole e comparativa illecita

 

In sintesi, in tutte le fattispecie di concorrenza sleale si può ricorrere all’Autorità garanteche ha il potere di disporre l’immediata cessazione dell’attività di concorrenza sleale e di eliminarne gli effetti. Ma occorre rivolgersi anche al proprio giudice naturale, chiamato ad applicare il Codice civile che riconosce il diritto al risarcimento di chi è stato vittima di concorrenza sleale mediante atti compiuti con dolo o con colpa.

 

Vale la pena sottolineare come l’Autorità garante non rappresenti solo una risorsa a protezione della libera concorrenza, ma agisce anche con l’obiettivo di “liberare” quanto più possibile “il mercato” da restrizioni che riducono i livelli di concorrenza a danno dell’interesse pubblico. In questa funzione, l’Autorità garante diviene sovente il destinatario di richieste di interpretazioni e pareri.

 

Di recente (13 gennaio 2019), in audizione alla Camera dei Deputati, l’Autorità garante è stata interpellata in merito al disegno di legge di conversione del decreto-legge n. 243 del 29 dicembre 2018 in materia di autoservizi pubblici non di linea.

La questione riguarda lo sviluppo della domanda di servizi che tende a non distinguere più tra attività soggette a obblighi di servizio pubblico (tipo TAXI) e attività di noleggio con conducenteNCC (tipo UBER) e che, legata ad un concetto di mobilità urbana di tipo intermodale di servizi, fa ampio ricorso ai nuovi strumenti resi possibili dall’innovazione tecnologica.

 

Il principio affermato dall’Autorità garante è che:

 

Il mantenimento, di vincoli nelle modalità di prenotazione dei servizi e delle restrizioni territoriali all’offerta di servizi NCC unitamente all’inutilizzabilità delle piattaforme tecnologiche e alla moratoria nel rilascio di nuove autorizzazioni tenderà a rendere sempre più difficile l’incontro della domanda e dell’offerta, con l’effetto di deprimere il benessere dei consumatori finali in termini di minore ampiezza e qualità dei servizi offerti e di prezzi più elevati.”

 

In particolare,e conseguentemente si suggerisce di:

 

  • eliminare ogni limitazionealle modalità di prenotazione del servizio di NCC;
  • abrogare tutte le norme della legge n. 21/92 che di fatto determinano restrizioni territoriali all’operatività delle imprese NCC e, dunque,l’accesso nel territorio di altri comunie i regimi di deroga all’obbligo di partenza e rientro in rimessa;
  • abrogare la moratoria al rilascio di nuove autorizzazione NCC sino alla realizzazione del registro nazionale.

 

Un comportamento esemplare in termini di contributo all’evoluzione e al progresso della libertà di concorrenza a vantaggio dei cittadini.

Non perdere gli ultimi articoli!

Inserisci la tua email 

TAG CLOUD

Iscriviti alla newsletter
Cross Hub Logo

Affiancare le imprese, enti ed istituzioni in tutti gli aspetti di natura strategica ed operativa attraverso la "mobilitazione integrata" (CROSS) di competenze ed esperienze (HUB) in risposta alle specifiche esigenze aziendali.

CONTACT INFO

 

SEDE LEGALE

Via dei Mille, 47

80121 - Napoli

 

SEDE OPERATIVA

Piazza Carità, 32 

80134 - Napoli

Tel. 081 0102554

 

info@crosshub.it

crosshub@b2bpec.it

Follow us