Back Finanza

5 semplici consigli per la gestione dei rischi di cambio

La conoscenza dell’andamento e della compliance della valuta locale nei mercati esteri è fondamentale al fine di evitare di commettere errori e compromettere i risultati pianificati in termini di marginalità e successo dell’impresa.

Ciro Cozzolino

Postato il: 03-Jul-2019

 

  1. Conoscere i vincoli legali della valuta obiettivo.

Alcune valute soffrono delle decisioni e dei comportamenti di politica macro-economica e militare.

Consideriamo ad esempio il Rublo.

Fino a pochi anni fa erano pochissime le Banche italiane in grado di offrire un servizio di copertura Euro/Rublo, viste le difficoltà di gestire fisicamente il possesso dei Rubli e l’impossibilità per l’impresa di accendere un conto valutario in Rubli.

 

 

  1. Conoscere le peculiarità economiche della valuta obiettivo.

Lo stesso Rublo, ha patito un'oscillazione fortissima a causa della politica di austerità condotta dal Premier Vladimir Putin. Nell’ultimo biennio infatti, il Rublo è passato da un massimo di 60 Rubli per 1 Euro, ad un minimo di 80 Rubli per 1 Euro.

Ciò innegabilmente si traduce nell’impossibilità, spesso, di gestire un’erosione dei margini aziendali che ha condotto, empiricamente, alla vanificazione del 25% dei risultati commerciali attesi. Una buona copertura del rischio cambio assicura dalla possibilità di vanificare, o addirittura condurre in perdita, un’attività di esportazione verso Paesi con valuta instabile.

 

 

  1. Determinare il livello di rischio accettabile.

Molto spesso si sceglie di procedere ad una copertura parziale del rischio assunto, in una quota variabile che tenda a difendere il Costo del Venduto e gli oneri di viaggio e daziatura.

Tale policy risulta vantaggiosa per i rapporti di lunga durata e con forniture periodiche perché alleggerisce la posizione economica dell’esportatore in termini di gestione ed oneri associati alla copertura cambi.

 

 

  1. Determinare il proprio profilo di copertura.

La nuova compliance italiana impone di documentare agli stakeholders aziendali il proprio profilo di approccio al rischio cambio.

La differenza tra un profilo “di copertura” ed un profilo “speculativo” risiede in pochi fatti dimostrativi del comportamento. Vediamo i principali:

  • Condurre una copertura, in termini di volumi, congruente con il volume di affari aziendali sviluppati in loco.
  • Condurre una copertura con segno opposto all’attività difesa (banalmente, un importatore acquista valuta estera contro Euro, un esportatore cede valuta estera contro Euro).
  • Condurre una copertura con strumenti semplici (c.d. vanilla) tali da poter identificare agevolmente l’animus aziendale di sterilizzare un effetto semplice legato alla valuta transata.

Attualmente, ad esempio, molto strumenti “in leva” sono attenzionati dai controllori aziendali (Revisore, Collegio Sindacale, ecc) perché privi del requisito della semplicità.

 

 

  1. Mantenere una costante attenzione agli strumenti di contro-copertura.

Esiste infatti la possibilità di sterilizzare gli effetti di una copertura rilevatasi anti-economica, ancorché profondamente valida se vista dal profilo di difesa dei margini aziendali di produzione e vendita.

Tali strumenti, validi su alcune delle valute piu diffuse (dollaro, Yuan cinese), spesso poco pubblicizzati dalle controparti bancarie, permettono di scaricare il rischio su un orizzonte temporale piu o meno ampio, diluendone l’effetto economico.

 

 

Concludendo

Ci sono numerosi elementi da considerare quando ci si approccia ad un mercato estero; tra questi, i cinque suelencati rappresentano utili suggerimenti per evitare alcuni degli errori più comuni che possono condurre ad un’erosione dei margini aziendali ed a compromettere il Conto Economico dell’intera attività.

La gestione dei rischi aziendali, in particolare dei rischio cambio valuta, rappresenta innegabilmente un elemento imprescindibile a cui dedicare risorse temporali precise, non residuali, ai fini di difendere e ridurre il grado di incertezza già intimamente legato ad un approccio a mercati diversi dal nostro.

TAG CLOUD

Iscriviti alla newsletter
Cross Hub Logo

Affiancare le imprese, enti ed istituzioni in tutti gli aspetti di natura strategica ed operativa attraverso la "mobilitazione integrata" (CROSS) di competenze ed esperienze (HUB) in risposta alle specifiche esigenze aziendali.

CONTACT INFO

 

SEDE LEGALE

Via dei Mille, 47

80121 - Napoli

 

SEDE OPERATIVA

Piazza Carità, 32 

80134 - Napoli

Tel. 081 0102554

 

info@crosshub.it

crosshub@b2bpec.it

Follow us